martedì 19 febbraio 2013

Se ieri era un pericolo, oggi è una minaccia

Il M5S non è più un «movimento» ma è diventato una «comunità». Tutto sommato ha poca importanza se sia vero, e ne ha ancor meno se Beppe Grillo ne sia convinto quando lo dice. La cosa importante è la reazione dei suoi quando lo urla dal palco: sembra ci credano, sembra riescano a trovarci motivo di orgoglio, sembra abbiano trovato risposta a un bisogno di appartenenza.
Questa è l’unica novità dello Tsunami Tour, che per il resto è replica del solito one-man-show: i grillini si sentono «comunità». Così diventa finalmente chiaro di cosa volesse essere embrione il «non-partito» creato dalla Casaleggio Associati: in questione, dunque, non era la struttura del M5S, ma la sua stessa natura, che ora mostra i caratteri distintivi della cosa «prepolitica».
D’altronde, definirla «antipolitica» è sempre stato improprio. In senso stretto, infatti, l’«antipolitica» non esiste: anche il rifiuto più netto delle varie espressioni della dimensione politica di per se stesso è un atto politico, né può trovare forma che non sia politica. Peraltro è definizione che Beppe Grillo e i suoi non hanno mai fatto propria, e che anzi hanno sempre respinto.
In secondo luogo, anche a voler dare al termine il significato che in sé condensa i tratti peculiari del populismo e del qualunquismo, l’«antipolitica» rimane categoria in cui il M5S è sempre stato stretto. È luogo di raccolta, infatti, di numerose suggestioni culturali dalle più varie provenienze (giacobinismo, luddismo, pauperismo, ecologismo, democrazia diretta, un po’ di filosofia New Age) che vi confluiscono perdendone la specificità, pur senza arrivare a una vera e propria sincresi: un guazzabuglio di umori, insomma, più che di idee, nel quale chi ha inclinazione alla deriva qualunquista o quella populista trova modo di sentirsi al servizio della palingenesi.
Alla pars destruens della sistematica grillina («comunque vada, sarà un bagno di sangue») viene così ad aggiungersi quella construens («puntiamo al 100%»). Finalmente è chiaro che la polemica antipartitocratica trovava solo un’occasione nell’analisi del sistema politico italiano, ma che in realtà era mossa da un’urgenza profonda, che potremmo definire esistenziale.
Il «partito», infatti, si dà sempre come «parte» di una società, che legittimamente aspira a farsene maggioranza, mentre tende a farsi coincidente con la «società» o con lo «stato»  solo quando esprime velleità totalitarie. Solo in quel caso assume la forma «organica» della «comunità», che invece si dà sempre come un «tutto», fuori dal quale c’è sempre l’estraneo o il nemico.
Lo statuto di questo «tutto» è necessariamente quello dell’«organismo vivente», sicché l’appartenenza ad esso è strettamente funzionale – possiamo parlare di vera e propria cogenza – alla riproduzione della struttura gerarchica che nel «corpo» lega le parti in quell’unità di fine che comunemente è detta «vita», assicurata dalla piena rispondenza di ogni «membro» al «capo».
Ecco, dunque, che tutte le discussioni sul deficit di democrazia interna al M5S perdono significato: in una «società», in un «partito», in un «movimento» esse hanno sempre un senso, e guai se non lo hanno, ma in una comunità lo perdono inevitabilmente, perché non è dato «corpo (umano)» che si regga sulla relazione democratica delle sue parti: la necessità di un Io genera un vincolo di subordinazione tra le «parti» e, se questo viene a mancare, l’«organismo» smette di essere vitale.
Altrettanto vale per la struttura gerarchica a cerchi concentrici che è tipica della setta e che dà statuto al vincolo di subordinazione. Perciò perde senso anche la critica di settarismo che in tanti hanno mosso a Beppe Grillo, perché non si dà setta senza struttura di tipo «organico». Altrettanto vale per le accuse di gestione proprietaria del M5S: non è data titolarità di un «organismo vivente» senza che l’Io se ne possa dire pienamente padrone.
Così, se guardiamo alla «communio» come carattere fondativo della «communitas», ci troviamo dinanzi al modulo ancestrale di organismo «prepolitico» e, per ciò che riguarda il M5S, che non è più un «movimento» ma è diventato una «comunità», il cerchio si chiude. Qui gli individui sono chiamati a restare essenzialmente uniti nonostante i fattori che li separano, proprio al contrario di ciò che si realizza nella «società» e nel «partito» – e in massima misura nella «società» e nel «partito» che siano davvero democratici – dove gli individui rimangono essenzialmente separati nonostante ciò che li unisce.
Siamo dinanzi a una «cosa» che ieri era ridicola e oggi è mostruosa. Se ieri era un pericolo, oggi è una minaccia.   

44 commenti:

  1. http://www.campariedemaistre.com/2013/02/il-paradosso-ontologico-del-caso-englaro.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma lascialo blaterare, poverino. Vuoi metterti a polemizzare con uno che ti fa la grazia di rifilarti la definizione di ontologia?

      Elimina
  2. Che dire? Intanto osservo,con stupore divertito,che nelle ultime settimane di 'terrore' da sondaggi,contro Grillo si sono cimentati tutti,ma proprio tutti,in assoluta comunione e identità di parole e giudizi:Grillo,di volta in volta,è un criminale,un fascista ,un razzista,un omofobo,un becero maschilista,uno schiavista,un pericolo per la democrazia;qualcuno evoca anche le dittature sanguinarie del secolo scorso,quelle da centinaia di milioni di morti, e via così,in un crescendo unanime di accuse,allarme,mobilitazione contro il mostro che minaccia la nostra stessa sopravvivenza.
    Che dire...forse sono distratta,forse sono inconsapevole,forse sono un po' stupida,ma confesso che non mi sento minacciata da Grillo.
    Mi 'inquieta' molto di più-per fare solo qualche esempio-lo spaventoso crack del Monte Paschi,21 miliardi INGHIOTTITI dal baratro del crimine finanziario,oppure-notizia di oggi-il coinvolgimento del tenero pargolo-Pansa(assurto,con fulminante carriera,al vertice di Finmeccanica)in una sporca operazione di ripianamento di un buco societario della ex moglie di Grilli a mezzo "contratti fittizi",in pratica,con una operazione criminale.
    Pansa,Grilli,Monti,Bersani,Casini:quelli moderati,quelli seri,quelli responsabili,quelli che:"ragazzi,c'è il baratro,vi dobbiamo cortesemente ammazzare un po',ci serve il vostro sacrificio,il vostro sangue,la vostra vita per salvare la 'nostra Italia':quella dei crimini e delle voragini finanziarie,quella del potere arrogante delle caste,delle cricche,delle cosche che noi 'moderati' siamo qui a rappresentare.
    Domenica prossima voterò così:RC alla Camera,Cinque Stelle al Senato:perchè mi sento minacciata.Non da Grillo,però.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda che è ufficiale che quei 21 miliardi di buco non esistono, tant'è che MPS si prepara a denunciare civilmente e penalmente chi ha diffuso la balla (Grillo in primis).

      Elimina
  3. Il riferimento alla comunità, per come l'ho capito io, non era rivolto agli accoliti del M5S quanto all'intera popolazione. Ma sarebbe un peccatro rovinare la straordinaria analisi che ne è venuta fuori, quindi la lascio solo come nota a margine.

    RispondiElimina
  4. Sarò ingenuo, ma il richiamo alla comunità mi sembra solo un modo per sottolineare la differenza tra chi supporta il m5s e gli altri, un modo per ricordare che loro sono "oltre" i vecchi politici. Quanto al puntare al 100% mi sembra un'evidente boutade in polemica con quanti continuano a minimizzare il fenomeno. Di analisi apocalittiche ne leggo tante, poi vedo chi sono e cosa fanno Pizzarotti, Cancelleri e compagnia e torno a pensare che sia un'enorme esagerazione (anche nelle piazze gli esagitati sono una minoranza).

    RispondiElimina
  5. Fatevelo dire, tanta teoria non serve: la maggior parte degli italiani voterà Grillo per mandare finalmente al governo delle persone incensurate che rappresentino veramente chi non arriva a fine settimana. La gente è stufa di questi cialtroni corrotti e plurindagati che si lamentano che 12 mila euro al mese son pochi, che non hanno nessuna idea di come sia la vita di tutti i giorni. Lo faranno e lo faremo sapendo che il DDT fa male ma che va usato per mandare via i parassiti.. e poi si vedrà. Ora l'essenziale è pulire il Parlamento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ora l'essenziale sarebbe più che altro pulire gli italiani.

      Elimina
  6. "Se ieri era un pericolo, oggi è una minaccia."
    oh si che è una minaccia!
    ma per chi?!
    F

    RispondiElimina
  7. Una chiamata alle armi prematura (una minaccia!), contro un movimento che non è ancora stato messo alla prova della repubblica parlamentare. sembra che la sua descrizione si attagli maggiormente ai nostri partiti tradizionali e già presenti da tempo in parlamento, che hanno già dato ottima prova di sè in quanto a comunanza a delinquere.
    perdoni le minuscole, si rilassi e sorrida!

    RispondiElimina
  8. Citando" Il Gattopardo"di Tommasi di Lampedusa :Bisogna che tutto cambi affinchè tutto rimanga come prima...
    Saro' scettico ,ma qui finchè non ci sarà una rivoluzione culturale dei malcostumi italiani la vedo veramente dura.
    Saro' felice di essermi sbagliato_

    R.S.

    RispondiElimina
  9. La vera minaccia in realtà è il perdurare della politica attuale che vuole solo assestare l'ultimo colpo di grazia alla nostra autonomia di popolo civile e farci diventare come la Grecia, la Merkel è riuscita laddove Hitler ha fallito lo scopo è chiaro e palese ed è concertato dalle banche e dalle lobbies. Ora invece si troveranno se va male una spina nel fianco (e si se l'Italia tira su la testa sara' un vero problema per la mangiapatate e tutti i suoi banchieri del piffero) e se va tanto tanto male SI TROVERANNO l'ITALIA fuori dall'Europa e poi il passo da qui al fallimento dell'IDEA di EUROPA unita sotto le BANCHE sara' IMMEDIATO !!! Ecco perchè piu' di qualcuno ancora cerca di accusare Grillo e Casaleggio di essere invece le teste di ponte appunto di quelle banche che in realtà combattono !!! Poi articoli come quello qui sopra mi fanno sorridere !!! Caro Castaldi ma che m.... scrivi se c'è una comunità o movimento a dir si voglia che ha capito che il problema è di tipo semplicemente "direttivo ovvero è la testa che puzza del pesce e non il resto la testa va STACCATA !!! ma il pesce MUORE !!!???! Il pesce è morto da tempo e nel suo cervello ci sono solo tanti VERMI che vanno BRUCIATI !!!)Diciamocela il MoVimento fa paura perchè è fatto di gente incensurata e quindi IRRICATTABILE e INCORRUTTIBILE (almeno per il momento !!! ed è lì che vale il discorso del controllo e dei due mandati !!!) e ovvio che a molti faccia paura perchè si sa' che il piccolo delinquentello prospera laddove ci sono i veri criminali ed aspira a diventare come loro invece se c'è CORRETTEZZA, ONESTA' e soprattutto CONTROLLO da parte della COMUNITA' la DELINQUENZA non ha terreno FERTILE !!!!

    RispondiElimina
  10. Io credo invece che il M5S il vero salto di qualità l'abbia fatto non quando da movimento è diventato comunità, entrambe categorie che presuppongono scelta attiva di partecipazione quindi condizione che contiene il numero, bensì quando ha fatto il salto ulteriore ed è diventato categoria.
    Oggi non c'è Pd PdL e M5S, ma c'è esistente e vaffanculo all'esistente.
    Quello che ieri era sanbabilini, cattolici, partigiani, identità che non categorizzavano l'individuo ma i suoi valori a prescindere dall'azione diretta e dalle singole sottocategorie di scelte personali, oggi è "stato dell'arte" vs grillini, una versione estesa e istituzionalizzata di scapoli e ammogliati.
    Questa è stata la vera abilità, il farsi categoria trasversale capace di accogliere senza chiedere elementi di appartenza se non gli elemeni di NON appartenza a tutto il resto.
    Non so lei, ma io conosco più persone che attendevano qualcuno che li autorizzasse a non essere, che persone orgogliose di rivendicare un'appartenenza.
    Da lì al 20% in un paese come questo, è chiaro che il passo è un lampo.
    A margine, io se da qualcosa sono ghiacciato quel qualcosa è lo stupore dato dalla realizzazione che siano davvero ovunque.
    Non c'è luogo nella rete che a post critico non veda spuntare istantanei commenti che chiedono "E ALLORA MPS?" con il tono che la Guzzanti usava nella parodia "E ALLORA LE FOIBE?"
    E' come se fossero distributi silenti in cellule organizzate, posti a margine di ogni più remoto angolo di web in una copertura senza precedenti, pronti ad attivarsi non appena nel luogo assegnato compaia un testo critico nei confronti del movimento.
    Puoi anche aver costruito per anni un luogo protetto da un certo tipo di pubblico, ma stai pur certo che se nel tuoi testo compaiono i termini "Grillo" o "M5s" entro 3 secondi nei commenti compaiono le cellule attivate pronte a usare il maiuscolo per ricordarti che siamo lagggente il potere ci temono e poi MPS.
    Non lo so, una tale copertura è possibile solo se davvero si parla di migliaia di persone e la cosa, da qualsiasi parte la si guardi, è oggettivamente inquietante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' inquietante anche che "L'ottanta per cento degli italiani di età compresa fra 16 e 65 anni non è in grado di compiere ragionamenti lineari" (cit. in Roberto Ippolito, "Ignoranti", Chiarelettere 2013)
      Che le cose siano collegate?

      Elimina
    2. Dopodiché votano anche gli ultra65enni.

      Elimina
  11. la cosa che mi lascia più perplesso è pensare che una squadra di sconosciuti sia composta da brave persone. Gente che s'è presa 80 preferenze, da amici e parenti suppongo.
    Come se il mandato parlamentare non fosse insindacabile...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, supponi male - a meno che amici e parenti non fossero anch'essi iscritti di "lungo corso". Non posso parlare per altri, ma personalmente io (che ero tra i pochi fortunati a poter esprimere le mie preferenze) ho selezionato sei sconosciuti, dopo non lieve (e per me inedita) opera di approfondimento su tutti i candidati. Magari tutti gli altri erano amici e parenti che si votavano a vicenda - tutto è possibile.

      Elimina
    2. Nando, ancora peggio. La maggior parte dei 'ladroni di stato' di cui ci si lamenta hanno una fedina penale immacolata. E pure i restanti, prima di finire al potere erano ottimi cittadini.
      Nasciamo tutti innocenti (a meno che tu non sia cattolico). E io, onestamente, tra uno sconosciuto e un tizio che da 20 anni sta tra posizioni di potere, ma su cui non c'è nessun sospetto illazioni a parte, preferisco quest'ultimo. Perchè, come dire, lo vedo già rodato.
      Tutti siamo onesti e incorruttibili, fino al giorno in cui ci si presenta davanti un tizio con un sacco di soldi in spalla. Quel giorno l'umanità si dividerà in due, cinicamente a seconda del peso del sacco.
      Quando la Lega si presentò al potere, erano tutti imberbi alla politica, imprenditori, impiegati, gente normale. Appena arrivò loro una fettina microscopica di quel potere, mangiarono come nemmeno un'orda di democristiani bulimici.
      E se mi rispondi 'ma sui futuri deputati M5S ci sarà la lente di controllo', posso risponderti che c'è sempre stata su tutti, il tangentone Enimont con Bossi tra i condannati ha un primo grado che risale al 1995. La gente semplicemente se n'è sbattuta le palle e ha continuato a votarli. E anche dopo gli ultimi scandali leghisti, la mia Lombardia ha ottime probabilità di essere governata da Maroni.
      E' per questo che non mi fido degli sconosciuti in politica, contando che della brava gente che fa quel mestiere, anche da anni, esiste. E gli sconosciuti, diversamente dai personaggi pubblici (anche se non direttamente coinvolti in attività politiche) hanno il passato molto meno controllabile. Se tra i sei che hai votato ci stavano dei ladri di marmellata, non lo puoi sapere. Se si candidasse un Corona, per intenderci, saprei già tutto.

      Elimina
  12. Secondo me il fatto che i grillini siano così "presenti" in Rete è invece spiegabilissimo. Considerando l'acume che il grillino medio mostra nei suoi messaggi, è facile indovinare che una gran parte di loro sia fatta di persone palesemente improduttive e inutili al mondo del lavoro, che presidiano il loro computerino domestico 20 ore su 24 tra un "E' pronto! Vieni a mangiare!" della mamma e una pippa su youporn Marco1971

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Considerando l'acume che il grillino medio mostra nei suoi messaggi, è facile indovinare che una gran parte di loro sia fatta di persone palesemente improduttive e inutili al mondo del lavoro, che presidiano il loro computerino domestico 20 ore su 24 tra un "E' pronto! Vieni a mangiare!" della mamma e una pippa su youporn Marco1971".
      Ottimo commento,analisi argomentata e approfondita,ispirata a VERO E AUTENTICO spirito antifascista.
      Avanti così,andiamo benissimo.

      Elimina
    2. Intorno a noi, vuoto politico. Ci voleva tanto a capire che la tecnica non basta a governare un Paese? Il governo tecnico poteva essere una medicina, ma la parola avrebbe dovuto riprendersela al più presto la politica. Ci voleva tanto a immaginare il logoramento che si sarebbe determinato: astensionismo, violenza, rifugio in forme di protesta elementari, prepolitiche? Siamo ancora in tempo per riprendere in mano politicamente la situazione, o non siamo più in tempo? Questa è la domanda.... E la politica si doveva riappropriata della situazione... ma in che modo lo ha fatto.... Con una campagna elettorale vuota,evanescente,a tratti becera ed offensiva...Una campagna all’insegna degli eccessi,delle battute volgari, delle false lauree,delle scissioni e delle nuove formazioni che di nuovo,però,hanno ben poco!Una campagna che ha offeso l’intelligenza delle persone e la dignità civile di chi crede nella Costituzione e nei principi che essa esprime e detta...e lo ha fatto con atteggiamenti,parole e discorsi incoerenti,con assenza di contenuti e tematiche necessarie a risanare un’età così difficile... Pietosi gli attori,le scene e i canovacci... Il tutto si è giocato su tasse,promesse e scandali... Non si è parlato di progetti fattibili,di lavoro,di sanità,di scuola...nè di stranieri o italiani nel nostro paese che,in molti, vivono in condizioni di quasi schiavitù. Nessuno ha affrontato il problema della povertà,la percentuale della popolazione che sta vivendo questa realtà è paurosamente in aumento,ma non interessa a chi ha inventato e mantenuto il porcellum... E io avrei voluto che qualcuno avesse parlato di giovani,di quella generazione che sta pagando amaramente le scelte di questi politici inefficienti e incapaci...e di quei giovani che fanno dell’oggi l’unica prospettiva, perché il domani non c’è... Di quei giovani che lavorano e studiano,ma che sono pagati tre euro l’ora quando trovano qualcosa,di quei giovani che vogliono studiare ma non possono perché l’Università è stata trasformata in un luogo per ricchi e così, a molti, hanno negato il diritto allo studio... E avrei voluto che avessero parlato di giustizia, quella giustizia che pende sempre a favore di chi più ha e può permettersi avvocati da milioni di euro, di quella giustizia negata ai semplici cittadini,a chi commette un errore e lo paga in modo esagerato;avrei voluto che avessero parlato delle carceri e di come risolvere il dramma che si vive in quei ghetti umilianti e incivili,di quei giovani consegnati allo stato e restituiti morti... E avrei voluto che avessero parlato dei tanti imprenditori e lavoratori che hanno scelto il suicidio perché umiliati e distrutti dal non “fare” della politica... Avrei voluto tutto questo... ma non lo è stato! E poi... e poi vi chiedete perché hanno perso????? e perché i cretini del M5S hanno vinto????? fatevi un esame di coscienza INFORMATEVI siate obbiettivi..... come dice Bersani (il fantoccio di D'Alema) serenità...... Annamaria grazie siamo voci fuori dal coro diamo fastidio

      Elimina
  13. Non so perchè, ma a me questo post ha fatto venire in mente la cricca di "Servire il popolo" capeggiata da Brandirali.
    Stia bene, sempre utile passa di qui.
    Ghino La Ganga

    RispondiElimina
  14. A me fa venire in mente Pierre Poujade e Guglielmo Giannini. La fine sarà la stessa.

    RispondiElimina
  15. Caro Castaldi, facciamocene una ragione. Chiunque esprima una opinione men che ossequiosa nei confronti di Casaleggio & Associati farà la fine di Salman Rushdie. Grillo Akhbar.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. «... ne abbiam visti geni e maghi uscire a frotte, per scomparire...» (F. Guccini)

      Elimina
    2. Beh, caro Anonimo... Si discute. Personalmente seguo sempre con interesse questo blog e quando (raramente) ho qualcosa da dire la dico. Rovesciando il suo argomento uno potrebbe dire che chiunque non sostenga una posizione critica nei confronti di Grillo e del suo mmovimento sia paragonabile a un fanatico religioso, al che la discussione fatalmente finisce. Che non credo sia il motivo per cui uno apre un blog e consente i commenti. Poi se uno riceve commenti al limite del trolling, o poco interesanti, basta ignorarli e concentrarsi su quelli interessanti, se ce ne sono. Fare l'esegesi del post del bimbominkia di turno e trarne un profilo buono per tutti i simpatizzanti M5S lo trovo poco interessante.
      Saluti

      Elimina
  16. Quando si è faziosi si rimane tali..... quando si vuole credere per forza a qualcosa che non esiste e demonizzare altri non si guarda mai con obbiettività..... per l'anonimo MPS e Banca 121 (e il filo ROSSo che lega D'Alema a tutto questo..... nessuno smentisce la MPS non farà nessuna causa contro nessuno per non scoprire altre verità..... Gli uomini intelligenti che elogiate qui hanno distrutto il Paese PDL - PD - Monti Casini Fini Bossi Maroni e credo che molti altri ancora dovrebbero seguire nell'elenco.... la Gente si è stufata..... operai sui tetti.... morti nel lavoro suicidi di operai ed imprenditori.... attivita che chiudono disoccupati cassaintegrati.... mobilità contratti a progetto..... è un Paese che non offre più nulla nessuna speranza nessun sogno specie per i giovani.... se si intravvede una luce si va in quella direzione credendo possibile CAMBIARE mai dire mai...... se la maggioranza di NOI ha deciso di provare va rispettata non accusata la minaccia sono i vecchi Politici no chi vuol venire su per togliergli le amate poltrone..... "Continueremo a fare delle nostre vite poesie fino a quando la libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alle poesie di chi scrive così preferisco la più piatta delle prose.

      Elimina
    2. Si crede Céline, hai visto i puntini sospensivi?

      Elimina
    3. Alle poesie di chi scrive in questo modo è preferibile la più piatta delle prose.

      Elimina
  17. E' abbastanza incredibile, ma no non lo è, quanto qualsiasi tipo di commento o "analisi" sulla comunità 5stelle provochi, in un nanosecondo, il piccolo bombardamento dei simpatizzanti che spazia dal commento serio ed argomentato agli insulti pieni di k.
    Si possono postare (legittimamente) foto e commenti anche durissimi su papi, presidenti, persone, o quluqnue cosa che, generalmente, passano inosservati; ma chiunque tenti un'ironia, una battuta, una critica alla comunità 5stelle si troverà istantaneamente stanato dai suoi adepti. Che non sono le migliaia, o centinaia di migliaia o milioni, di persone che voteranno ma il piccolo eserciti di hammas che, probabilmente, ha questo scopo solo. Personalmente condivido moltissimi argomenti che portano, ma è l'orizzonte nei quali è contenuto che non mi appartiene; a me, su questo, non frega niente dei complitti, dei Casaleggi&associati, dei miliardi, dei sionisti o antisionisti, del giochiamoachiepiusporco. Molto, ma molto, semplicemente quella idea di "democrazia" e di "società" non mi piace e, soprattuto (ma per banale eleganza), vedo di evitare kappa e maiuscole. Ognuno parla alla propria coscienza, certo è che pensavo sufficiente sentirsi dare del coglione dall'arcoriano e, umilmente, non mi necessitano lezioni di analisi politica e sulla comunicazione: molti fanatici potrebbero portare maggiore rispetto all'intelligenza altrui, che da anni, se non decenni, ha operato scelte, anche politiche, non in linea con quelle della maggioranza degli italiani. Prendetevela, quindi, con gli stessi italiani che si sono resi volontariamente inerti di fronte allo squallore ed ora improvvisamente si ribellano, legittimamente per carità, a questa loro scelta. Noto un eccesso di fideismo.

    RispondiElimina
  18. Comunque l'ha detto lui stesso in apertura: non siamo più un movimento, siamo una comunità

    RispondiElimina
  19. Faranno il pieno di voti, andranno in Parlamento impreparati ed eterodiretti dal gatto e la volpe, e poi sarà il casino per qualche mese fino alle prossime elezioni. Ma gli elettori hanno sempre ragione, anche quando ciucciano la matita prima di apporre il segno sulla scheda.

    RispondiElimina
  20. La critica è ben accetta se costruttiva...... il coraggio è anche quello di dire per chi Voti come faccio IO nascondersi dietro un dito non è bello sparlare degli altri va bene ma esprimere il proprio ideale..... e se non VOTI non hai nessun diritto di PARLARE perché non hai il coraggio...... E se non ci fosse stato Grillo avrei votato per Ingroia.....ho letto tutti i programmi dei tre più importanti partiti per i media le TV e la stampa di regime.... ( E' una guerra, ed ognuno usa le armi che ha. Sfortunatamente(per loro) la cosidetta stampa mainstream, con il suo vecchio terrificante apparato della disinformazione distrazione di massa, è stata superata da un'arma nuova avente la particolarità di non funzionare in mani sbagliate,tipo la tecnologia dell'ing. Keshe... Sulla Rete le balle durano poco, la Rete ha memoria indelebile et immediata. La Rete è interazione attiva. La Rete è il futuro le rotative sono il passato. La stampa è morta,viva la Rete) e come dicevo non parlo del Nano e del suo programma Neverland per salvarsi "IL CULO".... e neanche del buffone Monti che ha detto TUTTO ed il contrario di TUTTO....

    RispondiElimina
  21. poi ho letto il patetico programma del PD.... l'unica ricetta presente nel temino sul mondo dei sogni/programma PD è << lotta al contante, banche dati, controllo controllo e ancora controllo>>. tradotto << Sei un precario e il nonno ti passa qualcosa ? Ti fa bonifici ? Nooo! Sei fregato ! Te li da tutti i mesi ? Allora si prefigura il reato di lavoro fittizio per un familiare e arriverà Befera così rimpiangerai di essere sfigato e aver rinunciato alle raccomandazioni ! Non vorrai mica che i soldi li prendiamo alle Banche ? Quarda come è ridotto il MPS, poverino ! Dobbiamo salvare lui non te pezzente di m..... che non avendo un posto fisso non hai neanche tessere di sindacato e non vali nulla ! Crepa così ci risparmieremo quel poco di welfare che ti diamo e facciamo un figurone mentre lustriamo le scarpe alla BCE.>>... il resto è arcobaleni colarati, vaghissime dichiarazioni su un mondo pulito e bello e perle di nulla zen (prese dalle Faq perchè nel programma non ci sono affermazioni) :

    1- F35 ?

    -Bisogna assolutamente rivedere il nostro impegno per gli F-35. La nostra priorità in questo momento è il lavoro

    complimenti per la chiarezza, ne volete meno, diluite il tempo di acquisto o non li volete proprio ?

    2- Immigrazione ?

    -Rendendo impossibile la regolarità, la destra ha di fatto favorito la clandestinità. Occorre voltare pagina e avviarci verso una legislazione saldamente ancorata alla migliore tradizione europea.

    quindi ? Che cazzo vuol dire ? Insomma se uno entra clandestinamente, che fine farà ? A quale paese europeo vi ispirate ?

    3- pensioni

    ........(è)necessario rendere il sistema pensionistico più flessibile, ferma restando l'attenzione alla assoluta stabilità finanziaria, e prevedendo anche forme di invecchiamento attivo.
    cerchiobottaismo elevato ad arte. Un sistema che pur rimanendo stabile è al contempo flessibile, facile no ! Perché il giunco non può essere anche stabile come uno scoglio ?

    4- Fine vita.....il mio preferito

    -Noi crediamo che – senza alcuna ipotesi che possa far pensare all'eutanasia – si debba però trovare il modo di preservare la dignità delle persone nella fase finale della loro vita.

    Roba da spettacolo di Guzzanti.


    si tratta di scegliere tra chi promette figa per tutti e chi non promette niente perchè non può dire che il suo programma è fare da carta igenica ai poteri forti.
    credo che davanti a questa prospettiva non potevo rinunciare a votore per M5S con la consapevolezza dei loro difetti e problemi ma con la certezza che è impossibile fare peggio di quanto sopra esposto. Anche impegnandosi... continua a votare i tuoi cari,vecchi,buoni e rassicuranti amici della "poltrona" che stanno cercando (facendo finta) di risolvere problemi da loro creati.... basta con le prese per il culo.... ma non siete ancora stufi??? ma cosa ancora dovete vedere per aprire gli occhi?
    ormai è l'unica speranza di non ritrovarci in un eterno
    << Sorridi domani sarà peggio>>

    PS dopo aver fatto leggere il programma PD a molti irriducibili della sinistra il 50% ha deciso che non voteranno per loro ! Provate anche voi !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peggio dei testimoni di geova

      Elimina
  22. Louis-Ferdinand Céline quello che ha scritto ridurrebbe in cenere molti di quei beoni che hanno passato anni a gettargli merda addosso solo per la sua biografia (un po come togliatti con gide ai tempi..)mi ha devastato.. la sua scrittura.. quei puntini di sospensione lasciati lì.. le frasi che si sovrappongono tra piano temporale e flusso interiore.. e poi quel modo di parlare della guerra.. della follia umana.. me lo sono sempre immaginato come l'uomo armato di macete che distrugge la natura ostile..lui.. con la sua penna.. con la sua scrittura che scardina e fa a pezzi riga dopo riga l'idea di umanita'.. di fiducia.. nell'umanita'.. e i suoi puntini di sospensione sono lì.. a marcare ogni frase.. ogni pensiero.. che si interrompe e riprende piu' forte dalla riga successiva... l'ostinazione di Celine.. il cane rabbioso.. lo scrittore arrabbiato.. che amava piu' i suoi cani di chi lo circondava.. e amava scagliare le bestie contro i giornalisti che lo annoiavano con domande stupide ed impertinenti..quando penso a lui.. mi accorgo che è riuscito a darmi quell'idea di orrore che è la guerra che altri non sono riusciti a darmi.. tipo remarque o junger che nella loro opposizione di solito vengono citati come i maestri della memoria e della narrativa "bellica".. forse solo Kraus ci è andato vicino.. ma i suoi occhi da pazzo.. la posa rachitica e consumata.. sono un qualcosa che sprigiona un magnetismo senza fine...umano e narrativo..






    RispondiElimina
  23. Incollo qui da intervista a Grillo oggi al seggio sul Corriere della Sera: "I risultati elettorali arriveranno dopo le 15, ma tanti cittadini avranno comunque votato altri partiti, che dice a queste persone? «Chi ha votato certi partiti è un colluso. Colluso con quel potere e quel sistema»."

    Che dite, dobbiamo aspettarci le purghe, adesso?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questi cretini di cui qui sopra folleindiano si è fatto portavoce a me fanno una indicibile pena.

      Elimina
    2. ma fanno paura più che pena. Fino all'8% li compatisco, quando hanno il 25...

      Elimina
    3. Si può provare ad abbatterli.
      Per fini di salute pubblica,s'intende.

      Elimina
  24. In un mondo in cui le guerre sono chiamate missioni di pace, i mercenari sono diventati contractors, i partigiani diventano terroristi, gli onnivori mangiatori di carogne, io sono fierodi essere una"complottista". ... vedi quei cretini come dici sono la maggioranza del Paese se non ci fosse stato il limite di età avrebbe il M5S la maggioranza assoluta..... gli incantatori di serpenti hanno perso..... hanno preso il voto da i soliti noti l'apparato di REGINE vecchio e decadente del PD contestato anche da Dario Fò......Siamo in tanti, la Rete è la nostra forza. Ma bisognerà fare i conti con : Gli indecisi che bisogna convincere. Con gli ignoranti che bisogna istruire. Con gli irriducibili che bisogna COMBATTERE. Siamo in guerra, la guerra continua.... meglio essere cretino che ottuso il tempo ci fara vedere.... Confido nella stupidità del potere: è la migliore arma per annientarlo.l'enorme vittoria del "gustafeste" Beppe Grillo e del suo Movimento 5 stelle non può che farci piacere. Non solo perché diventa primo partito in Italia un movimento dichiaratamente NO TAV, favorevole alla creazione di un reddito di cittadinanza e di un nuovo sistema lavoro, contrario all'incenerimento dei rifiuti, alla cementificazione selvaggia e alle missioni di guerra, vicino al pensiero della decrescita e alla creazione di un nuovo modello di sviluppo. Ma anche e soprattutto perché il trionfo di Grillo intralcia in qualche misura il progetto di Bersani, Monti e Napolitano, costringendoli ad acrobazie di varia natura il cui esito potrebbe non essere così scontato come sembrava alla vigilia delle elezioni.... sono rimasti malesicuramente tutti coloro che già nelle passate settimane avevano "venduto" alle banche ed ai mercati un nuovo governo di continuità con l'agenda Monti, disposto a servire in tavola il cibo dietetico dispensato dalla BCE. Il Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo sbanca tutto ciò che era umanamente sbancabile, supera il 25% dei consensi e s'incorona primo partito italiano, mettendosi alle spalle sia il PD che il PDL ed apprestandosi a portare nelle stanze dei bottoni circa 160 fra deputati e senatori. Il tempo gli dara ragione abbiate fiducia.......


    RispondiElimina
    Risposte
    1. siamo al misticismo, se ti sforzi ancora un po' puoi raggiungere il nirvana

      Elimina