lunedì 1 settembre 2014

«La foto ha qualcosa che non va»

Sono a favore del matrimonio tra persone dello stesso sesso e della possibilità che esse possano adottare dei bambini, dunque trovo irritante il manifesto di Fratelli d’Italia che recita: «Un bambino non è un capriccio. No alle adozioni per i gay. Difendiamo il diritto dei bambini ad avere un papà e una mamma». Irritante per il testo becero, ma soprattutto per la foto che l’accompagna. Si tratta di uno scatto di Oliviero Toscani, che ne lamenta il furto, minacciando di rivalersi per la violazione dei diritti di proprietà, il che è legittimo, ci penseranno i giudici a stabilire se merita d’essere risarcito, e in quale misura. Del tutto insensato, invece, mi pare quanto afferma annunciando la querela: «Quella foto è stata usata nel modo opposto per cui era stata fatta: erano foto redazionali per spiegare le varie possibilità di famiglia per un giornale francese» (lastampa.it, 31.8.2014). Giusto, si tratta di uno degli scatti pubblicati da Elle due anni fa a corredo di un servizio su La famille homoparentale, ma in sostanza cosa intendeva rappresentare, il manifesto di Fratelli d’Italia, se non quelle «possibilità di famiglia» – due gay e due lesbiche, nel caso della foto in questione – che a loro avviso non avrebbero diritto di adottare bambini? Diciamo piuttosto che quella foto si prestava proprio ad essere «usata nel modo opposto per cui era stata fatta», e diciamolo con le parole che un sito di «cultura pop in salsa lesbica» usò due anni fa, senza che Oliviero Toscani trovasse nulla da ridire: «La foto ha qualcosa che non va. Le luci sono molto scure. Hanno qualcosa di tetro, come se non bastasse lo sfondo grigio. Poi gli sguardi dei protagonisti. Mi sembrano tristi. Il ragazzo di sinistra ha l’aria di sfida e accenna un sorriso, mentre gli altri due sembrano rassegnati, fino ad arrivare alla ragazza di destra: sembra una di quelle foto contro la violenza sulle donne, nel senso che lei è una delle vittime. E il bambino, lì nel mezzo, pare crocifisso, conteso da una parte e dall’altra, con l’aria mesta, fa quasi pietà. Il problema è che non capisco se il signor Oliviero Toscani intendesse lanciare un messaggio a favore dei matrimoni gay, oppure no. Perché vista così, questa foto funzionerebbe molto più come spot contro. Voi dareste mai in adozione un bambino a persone che hanno quell’aria così cupa e triste? Beh, io ci penserei su» (lezpop.it, 30.11.2012). Descrizione della foto così puntuale dal sentirmi piacevolmente sollevato dal doverla riprodurre in pagina, sia nella versione pubblicata da Elle, sia in quella approntata da Fratelli d’Italia, tanto non farete fatica a trovarla o l’avrete già vista. Una foto francamente infelice, diciamo. Sarà l’averlo capito con due anni di ritardo che spiega perché a Oliviero Toscani non bastasse rivendicarne la proprietà, ma sentisse il bisogno di ritoccarla. Brutta com’è, impossibile.  

18 commenti:

  1. o magari voleva suggerire che le famiglie omosessuali hanno le loro miserie come tutte le altre. meglio così' che estetizzate alla mulino bianco.

    RispondiElimina
  2. Credo che sia più interessante chiedersi se esistono foto di coppie gay con bambini che non abbiano "qualcosa che non va."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente esistono,come esistono foto di coppie etero con bambini che hanno qualcosa che non va. La famiglia è amore, se il bambino è felice con genitori dello stesso sesso, tanto meglio, L'importante è non usare il bambino come trofeo o come mezzo di propaganda. E, sì, la foto di Toscani è orrenda, con quelle facce patibolari-

      Elimina
  3. Toscani non è nuovo a foto "infelici". Ricordo la campagna promozionale di qualche anno fa dell'azienda di abbigliamento Nolita. Il noto fotografo usò l'immagine di una ragazza anoressica per inviare un messaggio contro i disturbi alimentari. Trovai la foto orribile e l'uso del corpo di quella ragazza assolutamente fuori luogo.
    Certo è che Toscani è un genio in fatto di comunicazione. Si torna a parlare di lui, male ma se ne parla.

    RispondiElimina
  4. http://www.diegozilla.com/2014/09/fotografia-omofobia-senza-passare-dal-via/

    se si supera il titolo, ottima spiegazione del perché la foto è "infelice".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sottoscrivo. Toscani e le sue foto "provocatorie" hanno rotto i coglioni da almeno vent'anni.

      Maurizio

      Elimina
  5. "Nella foto si vedono quelli che sembrano rappresentare quattro tossici che tentano il remake di Trainspotting, due uomini da una parte e due donne dall’altra a spartirsi (in una posizione che qualsiasi pediatra sconsiglierebbe) un bambino magro e spaurito."
    Lo scrive anche Wired.it. http://bit.ly/1oyIw6G

    RispondiElimina
  6. Sarà interessante ascoltare il parere di questi bimbi adottati nell'età adulta (detto senza alcun intento polemico)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a dir la verita' "ascoltare il parere di questi bimbi adottati nell'eta' adulta" e' stato fatto sin dal 1972, anno delle prime pubblicazioni di studi sistematici in fatto di genitorialita' omosessuale, esiste una bibliografia vastissima.

      Elimina
    2. E cosa dicono, onestamente?

      Elimina
    3. che crescono ne' più' ne' meno che con genitori "naturali". per cominciare, puoi leggerti:

      JC Armesto: "Developmental and contextual factors that influence gay fathers' parental competence: A review of the literature." Psychology of Men & Masculinity, Vol 3(2), Jul 2002, 67-78.

      Charlotte J Patterson "Family Relationships of Lesbians and Gay Men". Journal of Marriage and Family, Vol 62(4), Nov 2000, 1052-1069.

      F. Tasker & S. Golombok "Young people's attitudes towards living in a lesbian stepfamily: A longitudinal study of children raised by lesbian mothers". Journal of Divorce and Remarriage, 26, Nos. 1 & 2, 183-202.

      Poi oh, non dico sia il caso tuo, ma uno e' liberissimo di ascoltare per temi come questi non gente che ci ha lavorato una vita ma alfano, la meloni e il papa, che loro si' che ne capiscono, eccazzo.

      Elimina
  7. Scusa ma sono studii di 15 anni fa. Non hai roba più recente?
    Adesso la situazione è molto più grave e complicata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh, detto da uno che manco comincia ad informarsi, la "roba più' recente" e' quella scadente che ti fai tu.

      Elimina
    2. Grave e complicata perché?
      Perché c'è gente come la Meloni in giro?

      Elimina
    3. insomma è sotto gli occhi di tutti perché sia grave e complicata, casini ovunque, cause legali, litigate sui figli, malattie, pestilenze, denutrizione, infezioni, cancro... sanità statale in default... salute generale in declino... abuso di farmaci e psico-farmaci... Internet e pornografia dilagante... come fai a dire che studii di 15 anni fa basati su osservazioni di 20 o 30 anni fa siano ancora attuali?

      Elimina
    4. mischiare lo spritz con le pillole fa male.

      Elimina
  8. ora è più grave e complicata?
    Rosi

    RispondiElimina