lunedì 20 aprile 2015

Pietrangelo Buttafuoco, Il Feroce Saracino, Bompiani 2015

Nel mettermi dinanzi alla pagina bianca per scrivere dell’ultimo libro di Pietrangelo Buttafuoco (Il Feroce Saracino, Bompiani 2015), irresistibile è la tentazione di chiarire la mia posizione di lettore parafrasando quell’«io di mio» che apre il XV capitolo («Io di mio ho un nome saraceno»), e poi il XVII («Io di mio ho questa lunga storia d’amore con questo ritrovarmi saraceno»), attaccando con un’avvertenza che mi protegga da possibili fraintendimenti da parte chi si appresta a leggere questo tentativo di recensione (vedrete quanto impossibile): io di mio ho orrore perfino della trascendenza che ubriaca da millenni l’occidente, figurarsi se me ne bevo una d’importazione.
Tentazione irresistibile, questa di chiarire che non la bevo, perché in questo libro, assai più che in quelli precedenti, dove pure l’Islam emanava tutto il suo impeto proselitario in puro incanto, don Pietro (ora Giafar al-Siqilli) usa quell’«io di mio» a offrirsi come una soluzione autobiografica che ci dà per culminata nel sereno ritorno ad una casa che è di tutti, e a questo «io di mio» non si può negare quell’intrinseca forza di fascinazione che chi narra del suo viaggio riesce ad esercitare su chi ascolta, quando ci riesce, sicché Itaca può diventare facilmente patria anche di chi è nato a Oslo. Se ogni recensione è sempre, almeno per metà, un parlare di se stessi – seccatura che solo il recensore professionale può evitare a se stesso e ai suoi lettori – qui mi preme sbrigare la faccenda il più velocemente possibile: l’Islam di Pietrangelo Buttafuoco sembra avere una sola ma vitale urgenza esistenziale, quella di chiarirci che l’jihad è sforzo tutto interno, e che la vittoria sul Nemico sta nel pieno abbandono di se stessi ad una Verità che nella rivelazione del Profeta trova solo la piena conclusione – ma lo si scusa volentieri non sia poco – di ciò che Dio ha rivelato ad Abramo, e poi a Mosè, e poi a Gesù. Non è così, ovviamente. Perché l’jihad è anche campagna di conquista, come è connaturato nel dna comune a tutti i monoteismi. Perché la Verità che si fa legge nel Corano non è meno diversa da quella che si fa legge nei Vangeli di quanto sia diversa da quella che si fa legge mosaica. Se un tratto comune le apparenta, procede per ebrei, cristiani e musulmani da quella pesca a strascico che da oriente a occidente raccoglie suggestioni ancestrali di ogni genere, dalle pendici del Tibet alla sorgente del Nilo.
Per capire come possa riuscirci affascinante l’Islam di Pietrangelo Buttafuoco, bisogna immaginarcelo come un cristiano che vada per le strade di Parigi a declamare il Discorso della Montagna mentre i cattolici sgozzano gli ugonotti. Uno lo ascolta e non può fare a meno di dire: caspiterina, che religione di pace! E senza ironia, perché Giafar al-Siqilli è sufi genuino, onesto e convincente (per dire, Franco Battiato ne sembra una caricatura che suona come un soldo di latta), e non vogliamo avere dubbi che la società organica della tradizione sciita sia di un corporativo così caritatevole da essere l’ombra pur fievole della legge del Misericordioso. E poi, via, non ci sono cristiani che si limitano a testimoniare Cristo come incontro, con la sola forza dell’esempio, trasfigurando il dogma in pura immagine del Sovrumano, la precettistica in diario intimo e la preghiera in canto? No, eh? E vabbè, fa niente, come non detto, tanto qui era discussione un musulmano. Uno solo, sia chiaro.

4 commenti:

  1. Io di mio avrei desiderato che, prima di mettersi a fare le solite tirate contro la "trascendenza cattiva", lei avesse avuto almeno il buongusto di controllare come si scrive "jihad". Devo dire che mi viene da ridere.

    RispondiElimina
  2. Ogni tanto passo di qui, leggo i suoi gratuiti sproloqui (di solito un po' più elaborati: stavolta la fregola di pubblicare le ha fatto addirittura sbagliare due volte la parola jihad, non male come recensore) e poi me ne vado a dormire tranquillo. Con critici come lei in giro le religioni hanno ancora un grande avvenire davanti.

    RispondiElimina
  3. Dovresti sentirlo su Radio24, tutto un pensiero poetante che si arrotola su se stesso, ridondanze barocche, e ci mette dentro il D'Annunzio, il Battiato, l'astrologo arabo che inizia per Ibn, Le mille e una notte, la nostalgia del karkadè (quando c'era lui, caro lei...), insomma, tutta una serie di cassate siciliane e di supercazzole siculane che mi viene voglia di rivalutare Franco Franchi.

    RispondiElimina
  4. concordo. buttafuoco è un citatore di heidegger, quindi un trombone. il fatto che il trombone in questione sia di destra (che vor dì poi?) non sposta niente. chi ha memoria se lo ricorda tromboneggiare di destra e sinistra su cuore nel 1993. un mucchio di cazzate in un minuetto penoso (che voleva essere pensoso) con serra michele. gode di buona stampa grazie agli agganci giusti. passa per essere uno colto per le ragioni indicate sopra. ossia senza ragione.

    RispondiElimina