domenica 3 gennaio 2016

[...]

Quasi subito si scoprì che i dati dai quali Lancet aveva pensato di poter concludere che fossimo il paese dalla più bassa mortalità materna al mondo (2010) fossero stati ampiamente sottostimati, e che, volendo, si potesse addirittura dire il contrario, cioè che per numero di donne morte ogni anno a causa di eventi patologici correlati alla gravidanza, almeno in Europa, ci spettasse la «maglia nera» (2012). Unesagerazione, in entrambi i casi, e di lì a poco un rapporto dell’Istituto superiore della sanità chiarì che in Italia, per cause legate alla gestazione e al parto, si morisse né più né meno che nel resto dEuropa (2014), con percentuali che a tuttoggi, e ormai già da qualche decennio, sono le più basse sul pianeta. Stavolta non potevamo sentirci scandinavi, come nel 2010, né sub-sahariani, come nel 2012: sempre di circa 20 donne all’anno si trattava, come nel 2010 e nel 2012, ma non c’era «notizia». Oggi, invece, la «notizia» c’è: ne sono morte 4 in 4 giorni, e quanto può importare che la media annua non ne risenta?
Limpressione è che in Italia ne stia morendo una al giorno, la cosa merita le prime pagine, i titoli di testa dei tg, la discussione nei social network. La coincidenza non può essere casuale, è dobbligo sia «inquietante», «allarmante», «sospetta», azzardarsi a sollevare qualche dubbio sul fatto che si tratti di un’«emergenza» comporta il rischio di beccarsi il severo biasimo di voler minimizzare, ovviamente per torbidi interessi di parte. È consigliabile, dunque, che i medici tacciano. In momenti delicati come questi è poco opportuno che tentino di spiegare che certi eventi patologici con esito anche letale siano imprevedibili anche nelle migliori condizioni di monitoraggio. Men che meno si azzardino a dire che la gravidanza sia in sé e per sé una condizione di rischio, turberebbero la bucolica convinzione che si tratti di una «cosa naturale», meriterebbero l’accusa di stare a cercar scuse per negare i micidiali guasti della malasanità. È vero, la signora ha messo 25 chili in 9 mesi, ma, se è morta, qualcuno ha da pagare.

6 commenti:

  1. E' come quell'anno in cui a Milano ci furono 5 omicidi nei primi 5 giorni dell'anno.

    RispondiElimina
  2. Comunque è giusto che si indaghi per accertare eventuali responsabilità. Per quanto riguarda il caso di Brescia, la paziente lamentava trascuratezze da parte del personale. Se è vero, è grave. Comunque, nel caso di "eventi avversi" come dicono in medicalese, è essenziale accertare le cause per prevenire il ripetersi di eventi simili.

    RispondiElimina
  3. Dottor Malvino, si metta nei panni dei parenti di quelle poverette. prima di sentenziare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dove le è parso che il tono fosse sentenzioso? E dove ho scritto che non si debba indagare su eventuali responsabilità? E ho forse detto che, fra quelle 20 donne morte ogni anno, di certo non ve ne alcuna che muoia per colpa professionale?

      Elimina
    2. Dove le è parso che il tono fosse sentenzioso? E dove ho scritto che non si debba indagare su eventuali responsabilità? E ho forse detto che, fra quelle 20 donne morte ogni anno, di certo non ve ne alcuna che muoia per colpa professionale?

      Elimina
  4. Colpa delle stelle sicuramente

    RispondiElimina