sabato 22 aprile 2017

Non vola una mosca

Per evitare di essere fraintesi – rischio che non dovrebbe mai essere sottostimato neppure da chi sappia contentarsi di essere in pace con la propria coscienza – sarebbe consigliabile non affrettarsi a entrare nel merito di una questione quand’essa è ancora in mano a quanti, per chiaro intento strumentale, ne stanno con successo stravolgendo i termini nei quali invece andrebbe correttamente posta: di qua e di là dalla linea che separa i fronti in campo, onestà intellettuale e rigore analitico risultano, in tal caso, parimenti intollerabili, finendo addirittura con lessere considerati via di fuga nel disimpegno. Se veramente la questione ci sta a cuore, occorre rinunciare alla pretesa che la ragione riesca a far sentire la propria voce fra gli strepiti, e aspettare che il frastuono si sposti altrove.
Spesso non c’è nemmeno da aspettar troppo, perché di solito a chi strepita la questione cade di mano dopo due o tre giorni, massimo quattro, mai più d’una settimana, per essere presto abbandonata nel disinteresse in cui abitualmente finiscono i pretesti che sulla scena del dibattito pubblico hanno vestito fino ad un istante prima i panni di problemi cardinali, principi non negoziabili, ragioni prime o ultime, e similari. È allora che può essere recuperata dal punto in cui è stata fatta cadere ed essere adeguatamente riformulata, semmai riconoscendo il merito di chi ha cercato di farlo, restando inascoltato.

Di questo genere mi pare sia la questione sollevata dalla tanto discussa puntata di Report sulle patenti lacune di cui gli organi deputati alla farmacovigilanza si sono fin qui rese responsabili nel controllo sugli effetti indesiderati di alcuni preparati vaccinali (sul punto mi pare non si possano sollevare obiezioni valide, visto che sono state ammesse perfino da Silvio Garattini, persona al di sopra di ogni sospetto in quanto a preconcetti relativi al mondo dell’industria farmaceutica): al netto di quello che si è arrivati a sostenere, o almeno ad insinuare, era questo il tema di quella puntata.
Non erano in discussione limportanza della pratica vaccinale in generale, né quella del vaccino contro linfezione da Papillomavirus, lì specificamente trattato. Non era in discussione neppure la necessità di una generale copertura vaccinale per quelle infezioni che, per pressoché unanime consenso del mondo scientifico e sennato recepimento da parte delle istituzioni pubbliche, da tempo hanno trovato la più adeguata soluzione nella obbligatorietà della profilassi. Nemmeno era in discussione che i casi di reazione avversa, più o meno dimostrabilmente associabili allavvenuta inoculazione di un vaccino, siano da considerare sempre un prezzo sociale enormemente inferiore rispetto a quello che si sarebbe costretti a pagare, e solitamente si paga, per le complicanze cliniche di quegli eventi epidemici che non di rado mietono vittime nei soggetti più deboli di una popolazione. Nulla, poi, lasciava adito a ritenere che gli autori dellinchiesta giornalistica intendessero affermare in qualche modo legittimo, per il medico, il poter opporre obiezione di coscienza in parola, atto od omissione alla pratica vaccinica o, per il cittadino, il poter fare richiamo al secondo capo dellart. 32 della Costituzione («Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario...») senza leggerlo per intero («... se non per disposizione di legge») e trascurando quanto lo precede, laddove al primo capo la salute non è intesa solo come «diritto dellindividuo», ma anche come «interesse della collettività» (ratio che proprio nel caso della vaccinazione obbligatoria trova il miglior esempio di balance). Nulla di tutto questo, invece, sembra esser stato chiaro a chi ha mosso critiche alla trasmissione, di cui in qualche caso si arrivati a chiedere la sospensione.

Proprio per evitare di svilire a mera occasione di polemica tutta strumentale, come anche in questo caso è accaduto, la questione che Report affrontava, direi non valga neanche la pena di prendere in considerazione le numerose prove di malafede consumatesi in questa occasione. Mi limiterei a segnalare la dinamica che le ha mosse.
In passato, alcuni esponenti del M5S (peraltro nemmeno di spicco, quasi sempre si è trattato di voci semianonime sollevatesi dal brodo di coltura in cui è venuta a crescere la cosa grillina) hanno elaborato tesi sgangherate, per lo più basate su documentazioni parziali, quando non palesemente farlocche, per muovere critiche ai principi e alle istituzioni della medicina cosiddetta ufficiale, accusata di essere strutturalmente al servizio di loschi e biechi interessi di strapotenti imperi farmaceutici, e fra queste critiche non poche sono state proprio quelle relative alla produzione e alla diffusione dei preparati vaccinali.
Superfluo sottolineare quanto questo atteggiamento sia in sostanza da considerare pura disinformazione. Anzi no, non riteniamolo superfluo: a scanso di equivoci, diciamo chiaramente che è stata , e continua ad essere, pura disinformazione, per giunta pure estremamente pericolosa. Ma non accontentiamoci: per dar segno di piena coscienza di questa pericolosità, rammentiamo che la legge punisce chi diffonde «notizie false o tendenziose» (art. 656 c.p.) o si rende responsabile di allarme per «pericoli inesistenti» (art. 658 c.p.), e poi chiediamoci perché si è sempre preferito lacerarsi le vesti dallindignazione di fronte a chi seminava frottole (scie chimiche, microchip sottopelle, cure anticancro a base di succo di limone o di bicarbonato, ecc.) invece di portarlo per le orecchie davanti a un giudice.

Ora, possono esserci cento altre ragioni per considerare il M5S il peggio del peggio del panorama politico e (sprechiamo un parolone) culturale italiano, e certamente la centounesima può a buon diritto essere ciò che in questo genere di frottole distilla rozzo qualunquismo e crassa ignoranza, paranoia di qualità peraltro assai scadente e inemendabile citrulloneria, ma come si può ritenere corretto il nesso logico, primancora che lipotesi di concorso associativo, tra la puntata di Report e chi, al sostenere che le Twin Towers sarebbero venute giù per una demolizione controllata e che lallunaggio dellApollo 11 avrebbe avuto per regista Stanley Kubrick, aggiunge che i vaccini provocano lautismo? O fredda malafede o cecità pregiudiziale: non riesco a trovare altra spiegazione, quindi passo oltre, a considerare le critiche a Report che non si sono mosse lungo questa linea, ma lungo unaltra che tutto sommato è da considerare parallela, perché al vizio di metodo che si è preteso di intravvedere nellinchiesta giornalistica qui è conferito i tratti di quella particolare forma di egemonia di pensiero che qualche settimana fa, sul Corriere della Sera, Angelo Panebianco affermava essere già in atto in un pressoché generale cedimento a tentazioni populistiche, complottistiche, giustizialistiche, ecc. In sostanza, a Report si mossa laccusa di essersi adeguata a questa egemonia di pensiero, arrivando ad affermare che con i servizi mandati in onda nelle passate annate se sarebbe stata addirittura una colonna.
Per riconoscere a tale posizione unautonomia morale e intellettuale nella conventio ad excludendum di cui il M5S è fatto oggetto ormai da tempo, prenderò in considerazione il modo in cui è stata fatta propria da due opinionisti che da sempre possono vantare autonomia morale e intellettuale, talvolta perfino abusandone.

Massimo Bordin attacca in modo abbastanza scorretto il conduttore della trasmissione, Sigfrido Ranucci, senza entrare nel merito della questione: dice che si cerca di farne un eroe, forse perché ha un nome da «eroe nibelungico», ma è quello che nel 2001 mandò in onda, su Rainews24, unintervista che Paolo Borsellino aveva concesso nove anni prima a due giornalisti di Canal Plus, ed era unintervista manipolata, come riuscì a dimostrare Paolo Guzzanti, che ne addebitò la manipolazione a Ranucci, mentre invece era stata manipolata dai francesi, come si chiarì in tribunale, con lassoluzione di Guzzanti in sede penale, ma con «altre sentenze in sede civile in parte contraddittorie con quella penale», che fuor di perifrasi significa che della manipolazione Ranucci non era in alcun modo responsabile.
Questo, per Bordin, farebbe saggio del «metodo giornalistico di Ranucci», non dissimile peraltro da quello di chi lha preceduto nella conduzione di Report, trasmissione che si sarebbe distinta solo per aver cercato di infangare lonorabilità dei bar e delle pizzerie di Napoli. Non farà certamente saggio del metodo giornalistico di Bordin, ma questo è stato il taglio dato alla questione relativa al tema proposto da Report: fallacia ad hominem.
Stesso taglio dato da Massimo Mantellini, ma nella variante di fallacia ad hominen circumstantiale: «il giornalismo di Report è un giornalismo a tesi», per giunta «molto ideologico», come è evidente nel suo «dar voce anche alla controparte, ma mai fino al punto da rendere il punto di vista avverso credibile», e poi «è giornalismo dell’indignazione», quindi fa «più male che bene», perché «l’indignazione ha bisogno ogni volta di aumentare la dose» (e qui possiamo intravvedere unulteriore fallacia, quello del piano inclinato).

In entrambi i casi, sembra che la questione posta dalla puntata di Report non sia degna di essere presa in considerazione: se ne sarebbe potuto dare un giudizio anche senza averla vista, bastava averne visto qualche puntata precedente, avere qualche dubbio su un giornalismo che mira a terrorizzare il consumatore dicendogli che gli ftalati possono farlo diventare ricchione, e forse pure meno, nel senso che bastava sapere chi sia Ranucci, e meno ancora, perché bastava considerare che a prenderne le difese erano Roberto Fico e Marco Travaglio. E sia chiaro che Bordin e Mantellini sono due amabili cazzoni, niente a che vedere con chi pensa che la Marcia su Roma di Grillo e Casaleggio possa essere fermata segnalando gli errori grammaticali di Di Maio.
A questo pare debba essere condannato il dibattito pubblico in Italia, e dunque credo si possa comprendere chi non sta pronto sulla notizia del giorno, rifugiandosi nello studio della pittura fiamminga o della musica gregoriana.

In questi giorni molti mi hanno chiesto di esprimere un parere sulla questione: dopo averli fin qui intrattenuti sul modo in cui ne sono stati stravolti i termini, non posso esimermi dal dire come credo andrebbero correttamente riformulati. Sarò stringato, facendo mia la posizione espressa da Carlo Freccero nel corso della puntata di Piazza Pulita andata in onda lo scorso giovedì: Report non ha fatto altro che integrare il bugiardino che è allegato ad ogni confezione di vaccino anti- Hpv, richiamando a una più attenta e trasparente attività degli organi preposti alla farmacovigilanza.
I vaccini? Sono necessari. In molti casi credo sia più che giusto renderli obbligatori. Quello anti-Hpv? Non preclude in modo assoluto la possibilità di contrarre un carcinoma della cervice uterina, ma la riduce sensibilmente. Sulle possibili reazione avverse che può cagionare occorre esprimersi con cautela rimandando agli studi che hanno preceduto e accompagnano la sua somministrazione, ormai assai estesa, che allo stato non hanno dimostrato nessi significativi tra i preparati in commercio e le patologie che in alcuni casi hanno destato il sospetto di avere relazione con lavvenuta vaccinazione.
Più in generale, ritengo che sia necessario rimettersi a quanto è ampiamente assodato in campo scientifico quando siano correttamente messe in atto le severe procedure metodologiche che consentono di dare per consolidata una certezza in quel campo. A chiunque è lecito chiedere conto di queste procedure, ma a tutti è dovuto prendere atto delle conclusioni cui conducono gli studi che le rispettino.

Ecco perché resto a bocca aperta, senza sapermi dare una spiegazione, del perché passi in sentenza, e nel silenzio generale, che i cellulari causano cancro al cervello. Sul piano scientifico è men che dimostrato, ma ad affermarlo, qui, non è stato Napalm51: è stato un giudice, ancorché a conclusione di un processo di primo grado. Silenzio, ora non vola una mosca: stavolta pare che la scienza non sia stata stuprata. 

lunedì 10 aprile 2017

Buona lettura

Quattro anni fa su queste pagine postai Due editoriali di Benito Mussolini per Il Popolo dItalia (Malvino, 10.3.2013). Non vi aggiunsi neppure un rigo di commento, ma tutti lessero in quel post, come d’altronde era nelle intenzioni, un tentativo di parallelismo tra grillismo e fascismo. Tra grillismo e fascismo nascente, occorreva chiarire, perché «a scanso di fraintendimenti – scrivevo qualche tempo dopo – sarà il caso di ribadire che [il fascismo nascente] non è ancora il fascismo del 1922, [...] e non è ancora il fascismo del 1936, [...] e non è ancora il fascismo del 1938» (Sansepolcristi 2.0 – Malvino, 14.10.2013).
Oggi, nel riproporre i passaggi più significativi di quei due testi, e facendo seguire ad essi brani scelti da altri editoriali di Benito Mussolini, sempre per Il Popolo dItalia, tutti antecedenti alla Marcia su Roma, porrò unaltra questione: la trasformazione del M5S che viene annunciata da Beppe Grillo («non è più tempo di manifestazioni in piazza a carattere provocatorio, facili a sfogare nella violenza, è diventato il tempo di disegnare il nostro futuro»), e che nella gran parte dei più autorevoli commentatori dellattualità politica italiana già da qualche tempo trovava eloquenti segni in una «istituzionalizzazione del movimento», consente un parallelismo col fascismo alla vigilia della Marcia su Roma?
Se pure fosse, nulla darebbe per scontato che da una eventuale vittoria del M5S alle prossime elezioni politiche dovrebbe attendersi ulteriore progressione del grillismo lungo questo parallelismo, questo è ovvio, ma è meglio dirlo esplicitamente. E in ogni caso andrebbe rammentato che l’irresistibile ascesa del fascismo, e il verso che prese lungo la sua parabola, ebbe indispensabile e costante propulsione dalla mancanza di credibili alternative. Provarono ad opporsi al fascismo, prima di salire sul carro del vincitore, liberali che avevano tradito il liberalismo e socialisti che avevano tradito il socialismo. Diremmo che del fascismo lItalia ebbe da esser grata soprattutto a Giolitti e a Turati.
Buona lettura.

«Per valutare nella giusta misura limportanza sempre più grande dei Fasci Italiani di Combattimento bisogna ricordare che sono nati il 23 marzo, nella prima adunata di Milano. […] Sono passati tre mesi e si può affermare […] che il movimento […] si è imposto allattenzione pubblica ed è, oggi, la forza più viva, più audace, più rinnovatrice, più rivoluzionaria […] che ci sia in Italia. Allinfuori del Partito Socialista, che pretende di possedere il monopolio esclusivo della piazza, non ci sono altri gruppi o partiti [...] che osino scendere in piazza. […] Non è, forse, prematuro esaminare i motivi che hanno provocato questa rapida ascesa, questo trionfale sviluppo del fascismo, malgrado laperta ostilità e la perfida malignazione di certa piccola gente. […] Il fascismo è un movimento spregiudicato. Esso non ha sdegnato di prendere contatto con uomini e con gruppi che lidiota filisteismo dei benpensanti ignorava o condannava. […] I Fasci non sono, non vogliono, non possono essere, non possono diventare un partito. I Fasci sono lorganizzazione temporanea di tutti coloro che accettano date soluzioni di dati problemi attuali. […] Questa è la novità interessante del programma fascista: la rappresentanza integrale» (3 luglio 1919).

«Oggi compiono i due anni dal giorno in cui sorsero i Fasci Italiani di Combattimento. [...] Dopo due anni di lotte, di varie e tempestose vicende, gettiamo uno sguardo sulla strada percorsa: il punto di partenza ci appare straordinariamente lontano. Il fascismo, dopo essersi affermato trionfalmente nelle grandi città, dilaga, straripa nei piccoli paesi e sin nelle più remote campagne. Che cosa è questo fascismo, contro il quale si accanisce invano una multicolore masnada di nemici vecchi e nuovi? Che cosa è questo fascismo, le cui gesta riempiono le cronache italiane? […] Sia concesso a noi, che abbiamo lorgoglio di aver lanciato nel mondo questa superba creatura, piena di tutti gli impeti e gli ardori di una giovinezza traboccante di vita, sia concesso a noi rispondere a queste domande. Il fascismo è una grande mobilitazione di forze materiali e morali. Che cosa si propone? Lo diciamo senza false modestie: governare la nazione. [...] Il fascismo [...] non è un partito: è un movimento. [...] Nessun altro partito può competere con noi. I vecchi partiti non fanno reclute nuove, stentano a conservare le vecchie, che qua e là accennano anche sbandarsi. Il fascismo, invece, vede sorgere i suoi gruppi a decine e decine per generazione spontanea, tanto che fra qualche mese tutta lItalia sarà in nostro potere […] Va da sé che non ci nascondiamo le deficienze del nostro movimento. Più che di deficienze, in realtà si tratta di esuberanze. I fascisti sono uomini e qualche volta eccedono. Affiorandosi ed affiatandosi sempre più il movimento, queste deficienze scompariranno e il fascismo apparirà come leletto a dirigere i destini del popolo italiano. È la forza nuova che segna lavvento dei tempi nuovi. […] Due anni! Rapida successione di eventi! Tumulto e passare di uomini! Giornate grigie e giornate di sole. Giornate di lutto e giornate di trionfo. Sordo rintocco di campane funebri, squillare gioioso di fanfare allattacco. Fra poco il fascismo dominerà la situazione. [...] Avanti, fascisti! Tra poco saremo una cosa sola: fascismo e Italia!» (23 marzo 1921).

«La vittoria è un fatto, ora mi travaglia il modo col quale la vittoria potrà essere utilizzata. Comincia un nuovo periodo nella storia del fascismo italiano e non sarà meno aspro e difficile del precedente: è il periodo della rielaborazione spirituale e delle applicazioni pratiche. Bisogna smentire i nostri nemici, i quali ci hanno detto a sazietà: “Voi sapete distruggere, ma non sapete costruire! Siete ottimi sul terreno della negazione, ma, portati sul terreno positivo, vi rivelate nella vostra impotenza”. Tutto ciò è falso, ma bisogna dimostrare il falso con la nostra opera di domani. Infiniti sono i campi nei quali possiamo applicare le nostre energie! Certi dissidi e certi atti di indisciplina non mi preoccupano eccessivamente, anche se son sfruttati dalla stampa antifascista. Dal mio punto di vista personale, la situazione è di una semplicità lapalissiana: se il fascismo non mi segue, nessuno potrà obbligarmi a seguire il fascismo. [...] Luomo che ha fondato e diretto un movimento, e gli ha dato fior fiore di energia, ha il diritto di prescindere dalla analisi di mille elementi locali per vedere il panorama politico e morale nella sua sintesi» (3 agosto 1921).

«Nel 1919, il fascismo si riduceva ad un pugno, veramente un pugno, di uomini di tutti i partiti: cerano socialisti, repubblicani, anarchici, sindacalisti, democratici. In queste condizioni, il fascismo, raccogliendo uomini di tutti i partiti, non poteva essere che un antipartito. È di unevidenza cristallina. Ma in questi due anni di tempestose battaglie è accaduto nel fascismo un fenomeno di esodo di taluni elementi, un fenomeno di entrata, quasi invasione, di altri. Cè stato un travaglio formidabile di selezione in mezzo a noi. […] È certo che oggi il vecchio conglomeato del 1919 è scomparso e il fascismo è venuto via via assumendo una sua precisa e inconfondibile individualità. Rendersi conto di questo processo […] significa convincersi che il partito è già un fatto compiuto e che è puerile ostinarsi a negare questa vivente realtà. […] Questo movimento perirà se il fascismo non si darà lorganizzazione di partito. […] Io capisco lantipatia per la parola “partito”, poiché essa, specie in Italia, suscita impressioni di chiesuola, di inquisizione, di dogmatismo e di camorra, ma questantipatia non basta a giustificare un atteggiamento di pregiudiziale opposizione. […] Nella natura e nella storia, si va sempre da un indistinto ad un distinto, da un amorfismo caotico ad una differenziazione sempre più precisa. Più si sale nella scala, e più ciò risulta evidente. Individualità significa differenziazione. Più è sviluppato lorganismo e più è differenziato. Il fascismo non può sfuggire a questa legge di bronzo e non deve quindi nutrire ansie e preoccupazioni di natura squisitamente misoneistica e conservatrice-reazionaria, ostinandosi a chiamare “movimento” quando è già “partito”, ostinandosi in unambiguità oramai insostenibile. […] È tempo di tracciare il solco di divisione attorno alla nostra città quadrata. Questo e non altro è il partito. Questo significa salvare il fascismo in ciò che ha di vivo e immortale e prepararlo al compito supremo di domani: il governo della nazione» (9 ottobre 1921).

«Li abbiamo tutti addosso, in questo momento, i grossi preti, i piccoli chierici e gli innumerevoli scagnozzi delle diverse chiese e chiesuole politiche […] Voi non avete un programma, voi non ci avete dato un programma, il vostro programma è inconsistente: queste le accuse che partono con una commoventissima unanimità dalla estrema destra allestrema sinistra. […] Volevano “un” programma e lo volevano da me. […] Un programma non è una creatura che nasca tutto solo e da un solo cervello» (19 novembre 1921).

«Il fenomeno del proselitismo fascista, che invece di illangidire aumenta in proporzioni sempre maggiori col passare del tempo, dà l’idea di qualche cosa di fatale che è oramai superiore alla volontà degli uomini. Il fiume del fascismo continua ad alzare il livello delle sue acque, che hanno già abbattuto parecchi argini e strariperanno fra poco dovunque. […] Ora il troppo rapido ingrossamento delle file costituiva e costituisce un serio pericolo per i partiti combinati alla moda antica, per i partiti, cioè, che possono essere considerati come vaste assemblee diffuse su tutto il territorio, assemblee di disputanti, i quali, disputando, finiscono naturalmente per differenziarsi e detestarsi, da cui le innumerevoli “tendenze” e relative scissioni. Il fascismo è tutt’altra cosa. I suoi iscritti sono, prima di tutto, soldati. […] Siamo troppo conoscitori del mondo e dei suoi poco simpatici abitatori per ritenere che tutte le reclute del fascismo siano animate da motivi soltanto ideali. C’è anche fra di noi la zavorra. Ci sono anche fra noi gli arrivisti. Ci sono anche fra noi quelli che si giovano del fascismo per camuffare altri impulsi e altri interessi. Ma come si fa a leggere nelle anime? Ogni aggregato umano ha di questi detriti. Il fascismo, però, li seleziona e li elimina energicamente. […] Il fascismo ha energie sufficienti per controllare, dominare, eliminare gli elementi infidi o sospetti» (26 agosto 1922).

domenica 9 aprile 2017

[...]


«Comincio ad invecchiare. Sono stanco, ho perduto il gusto per le questioni rumorose, senza cui non si fa politica. Probabilmente la vecchiaia comincia a farmi diventare egoista. E l’egoismo assume la forma di amore per lo studio».

Gaetano Salvemini,
lettera a Ernesto Rossi,
7 ottobre 1922

martedì 28 marzo 2017

Il calcetto sta solo a metafora

Bersagliato dalle critiche per la sua seconda infelice uscita sulla disoccupazione giovanile, che tuttavia, come la prima, ha il pregio di rivelarci quale miserabile ometto sia rincantucciato in quello sproposito di omone, Giuliano Poletti riesce a fare anche di peggio nel tentativo di schermirsi: «Il calcetto – dice – era metafora delle relazioni sociali».
Nulla da correggere, dunque, riguardo all’affermata priorità delle entrature rispetto ai meriti, che indubbiamente oggi è realtà di fatto, come d’altronde è dimostrato proprio da chi non si capisce con quali meriti sieda a capo del Ministero del lavoro e delle politiche sociali, visti i risultati della sua azione di governo: solo l’essere riuscito a tessere una solidissima rete di relazioni sociali può spiegarlo, e per farsi un’idea di quale genere basta aver letto Falce e carrello (Bernardo Caprotti, Marsilio 2007), spaccato di un affresco antropologico prima che economico e politico.
Sta di fatto che Giuliano Poletti non si è affatto limitato a fotografare una realtà di fatto: ben lungi dal definirla odiosamente iniqua nei confronti di chi fra i suoi meriti non può vantare quello di essere un maneggione, l’ha legittimata come la sola possibile. In sostanza ha detto: «Così è: adeguatevi. Oppure – e qui pare evidente il richiamo a quanto disse alcuni mesi fa – andatevene all’estero, perché di chi non sa adeguarsi possiamo fare a meno, anzi, ci infastidisce averlo tra i piedi». E si può capire: uno che pretende sia dato il giusto riconoscimento ai propri meriti, e non coglie l’importanza del lasciarsi dribblare la palla da chi può restituirgli il simpatico gesto atletico con uno splendido voucher, diciamo la verità, che ci sta a fare nel paese dove il servilismo è considerata un’arte? Perché scandalizzarsi, poi? Che c’è di nuovo rispetto allo «sposi un uomo ricco» che Silvio Berlusconi dava in risposta alla precaria che gli chiedeva con quali mezzi potesse aspirare a crearsi una famiglia? 
Le chiamano gaffes, direi che invece sono i capisaldi di un vero e proprio manifesto politico. In tal senso credo che a Matteo Renzi si faccia un grave torto nel rimproverargli di non avere un progetto di società, perché gli uomini e le donne che ha portato al governo, e lui stesso, ne illustrano a dovere uno che è la fedele riproduzione della provincia di cui sono il frutto: figli di intrallatori perennemente attaccati al telefonino, alla Gazzetta Ufficiale, alla pagina dei necrologi, per costruire la trama di affarucoli e scambi di favore, pastette e pacche sulle spalle, simpatie e interessi, a messa la domenica e il lunedì a brigare nello studio del commercialista. Il calcetto – è evidente – sta solo a metafora. 

mercoledì 15 marzo 2017

Apri parentesi. Chiudi parentesi.


Apri parentesi. Com’è possibile che a tanti Matteo Renzi nemmeno sembra di sinistra e poi fra i suoi più convinti sostenitori si ritrova un Giuseppe Vacca, che, in quanto presidente dellIstituto Gramsci, non può non essere comunista? In favore dei poveri di spirito che possano essersi fatti cogliere da questa perplessità, Lilli Gruber pone la domanda al diretto interessato, che risponde: «E che centra? Gramsci è morto». Chiudi parentesi.

Apri parentesi. Non mancate alla tavola rotonda su «Attualità del pensiero di Antonio Gramsci» che oggi si terrà allIstituto Gramsci. Presiede il presidente, Giuseppe Vacca. Chiudi parentesi.


martedì 14 marzo 2017

[...]


Le definizioni di fiaccolata date dal Battaglia, dal De Mauro, dal Devoto-Oli, dal Palazzi, dal Sabatini-Coletti, dal Treccani e dallo Zanichelli sono concordi nellassegnare ragionevole motivo di tenerne una alle occasioni in cui si intenda festeggiare, onorare, commemorare qualcosa o qualcuno, oppure conferire solenne intensità emotiva a un momento di protesta.
Per quella tenutasi laltrieri a Palermo credo si possa senzalcun dubbio escludere loccasione di festa. Tenderei ad escludere pure che si intendesse protestare contro qualcosa o qualcuno: era morto un clochard, ma sera da subito assodato si fosse trattato di un delitto dimpeto, per motivi passionali, e che una volta tanto non fosse necessario trascinare sul banco degli imputati il solito branco di naziskin, i soliti quattro o cinque figli di papà in cerca di emozioni forti, e neppure la criminale indifferenza della società che emargina i più deboli, condannandoli a morte per inedia o assideramento.
Resta solo lipotesi che la fiaccolata volesse essere un omaggio funebre, ma è qui che sorgono le perplessità. Volendo pur mettere a tacere quelle che a ragione potrebbero urtare la sensibilità di chi ha deciso di dare forma tanto enfatica a questi funerali, un dubbio tuttavia resta: non c’è del grottesco nel tenere in pugno una torcia fiammeggiante nellaccompagnare al cimitero uno che è morto bruciato vivo?

lunedì 13 marzo 2017

Corrispondenze


Caro Castaldi, [...] quando laltro giorno, alla kermesse dei renziani riuniti al Lingotto, ha preso la parola Massimo Recalcati, non ho potuto fare a meno di pormi una domanda, alla quale però non ho saputo dare una risposta, e che perciò le giro: come è possibile che vi sia pure uno psicoanalista fra i fedelissimi di chi lei ritiene essere affetto da un grave disturbo della personalità? Ci legga pure una puntina di polemica, ma non mi tratti male, perché credo che la questione non sia affatto oziosa, anzi sono certo che debba essersela posta anche lei. [...] Con stima,

Mariano Russo


Caro Russo, non ritengo affatto oziosa la questione che mi sottopone: mi sono posto la stessa domanda anchio, ma alcuni mesi fa, quando Massimo Recalcati calcò il palco della Leopolda. Senza essere in grado di dirle quale sia la più attendibile, credo che due siano le risposte possibili.
La prima prende forza da alcuni dati che sono incontestabili, e che provo a esporle in modo sintetico, rimandandola ai lavori degli autori che citerò per i riscontri che le dovessero sembrare necessari.
Inizierei col farle notare che la figura del leader politico affetto da gravi disturbi della personalità è sempre stata di grande interesse per il mondo della psicoanalisi, a fronte di una pressoché costante impossibilità di poter studiare il caso da vicino, tanto meno di poter dar luogo a un setting. Prenda, per esempio, quel che Walter Langer mette in premessa alla sua analisi della personalità di Adolf Hitler: non farà fatica a leggere, in sottotraccia allavvertenza sui limiti di uno studio a distanza, un «cosa non avrei pagato per poter avere un tizio così sul mio lettino tre volte a settimana per dieci anni!».
Bene, sia carino, riconosca a Massimo Recalcati quellincoercibile amore per la ricerca che in lui è evidente fin dalla montatura degli occhiali, e dica: cè un caso psichiatrico più interessante di quello di Matteo Renzi sulla piazza?
Ernst Ticho dice che i narcisisti costituiscono un«indicazione eroica per la psicoanalisi», mentre Joan Riviere sostiene che essi «non possono sopportare lidea di migliorare, perché in tal caso dovrebbero ammettere di essere stati aiutati» ed Herbert Rosenfeld si spinge a sostenere che «considerano intollerabile la stessa idea di guarigione»: sfida affascinante, soprattutto dopo essersi fatto massacrare i coglioni per anni da anoressiche e bulimiche.
E quale altro espediente aveva a disposizione, Massimo Recalcati, per studiare Matteo Renzi tanto da vicino come certamente starà facendo di meeting in meeting? Vedrà, caro Russo, che volumone ne verrà fuori, occorre solo attendere qualche annetto.
Mi sembra di poter già cogliere le sue obiezioni. Massimo Recalcati le sembra appena un po meno stronzo del tipico renziano, ma ne ha tutti i tratti distintivi. Vero, ma Heinz Kohut è chiaro: nellapproccio al narcisismo paranoide è indispensabile che lo psicoanalista faccia uno straordinario investimento empatico per assicurarsi che il paziente lo idealizzi, consentendo in tal modo quel transfert speculare che è indispensabile allo studio del caso. Anche su questo punto direi che Massimo Recalcati abbia fin qui dato il meglio di sé: geniale, per esempio, la trovata di paragonare Matteo Renzi a Telemaco per accreditarsi come un Omero pronto a cantarne le gesta.
Lha sentito, poi, al Lingotto? Parlava delle necessarie correzioni alla riforma della scuola, ma è evidente che parlava a lei, caro Russo, e a chiunque aveva a porsi la stessa domanda che lei ha girato a me. «In Matteo Renzi – ha detto – cè una ferita aperta»: lui è lì a cercare di guarirla, incurante del rischio di poter essere fotografato tra un De Luca e un Rondolino e così essere sputtanato a vita, coraggioso come deve essere uno che indefessamente si è votato alla cura e alla ricerca. Non so a lei, ma a me questo pare molto bello.
Laltra ipotesi è che la psicoanalisi non centri niente, che al pari di tanti carrieristi Massimo Recalcati abbia fatto una scommessa, che quanto è nella prima ipotesi gli servirà da scusa se la perde. In fondo è lacaniano, e Jacques Lacan è chiaro: «Larte dell’analista dev’essere quella di sospendere le certezze del soggetto finché se ne consumino gli ultimi miraggi».



martedì 7 marzo 2017

Ogni cruccio è ipocrisia

«Il popolo confonde ogni cosa
e dice esser bella la commedia
se è bella la recitazione»

Francesco M. Zanotti, Paradossi


Dopo aver tanto festeggiato la «morte delle ideologie», ci vuole una bella faccia tosta per lamentarsi del livello cui si è abbassato il dibattito politico. Quando le idee che si offrono a soluzione dei problemi del presente si fanno refrattarie ad articolarsi in un sistema che dia coerente solidità di struttura ad una visione del futuro – quando si arriva addirittura ad affermare che la coerenza sarebbe un intollerabile limite imposto alla politica – quello che sarebbe auspicabile come confronto tra due o più progetti di società è giocoforza destinato a frammentarsi in una incessante serie di scontri polemici su questioni tutte contingenti, ciascuna con una posta in gioco spesso anche miserrima, e tuttavia ragione di contesa sulla quale è vitale spendersi interamente, perché fuori da ogni ampio disegno strategico vince la logica che fa di ogni battaglia una guerra e di ogni dottrina un impaccio.
Sia chiaro: al pari delle religioni rivelate, di cui sono riproduzioni più o meno ben riuscite, anche le ideologie – tutte le ideologie – altro non sono che espressione di interessi materiali, peraltro sempre ben riconoscibili come particolari, e spesso mal dissimulati come generali. Qui si è ben lungi, dunque, dal piangere sulla «morte delle ideologie» come per lo smarrimento del concetto di «bene comune» – sempre sineddoche, dacché mondo è mondo – intendendo solo richiamare l’attenzione sulla differenza che corre tra l’epica dell’egemonia culturale e l’avventurismo che ormai segna trasversalmente tutta la politica, per chiedere: con quale sfrontatezza si può lamentare la paurosa ignoranza dimostrata di continuo dai leader politici che oggi sono sulla piazza? Si è preteso fossero agili, duttili, pragmatici, disinvolti nel cambiare idea in corsa: si può pretendere, adesso, somiglino più a fini intellettuali che a volgari piazzisti?
Con quale faccia tosta si pretende, poi, che questi leader rinuncino all’attacco personale come arma più efficace nellagone politico, dopo aver festeggiato lavvento del partito che si identifica nella persona del proprio leader? Ne ho già parlato: «Se prima era il partito alla continua ricerca dei propri quadri dirigenti e di un leader che riuscisse ad incarnarne il portato etico-estetico, oggi chi ha la vocazione di farsi leader la persegue e la soddisfa nel riuscire a fare di un partito lo strumento del suo Io narrante, sicché in buona sostanza si può dire che egli è veramente leader quando il partito riesce a far propri i tratti di quel narrato. [...] Ieri il leader era la sintesi simbolica di un quid che oggi è sintesi simbolica del leader» (Appunti per una «Psicologia del Supercazzola» – Malvino, 16.7.2014).
Limbarbarimento del dibattito sulla cosa pubblica, dunque, sta molto più a monte di quanto si lamenta. Se la politica non è più tenuta a esprimersi come progetto, se chi regge le leve del comando non è tenuto a render conto di quanto possa aver tradito il programma col quale ha chiesto e ottenuto consenso, se le sorti di un partito sono indissolubilmente legate a quelle del suo leader, ogni cruccio è ipocrisia.  

martedì 28 febbraio 2017

Dj Fabo è riuscito a sottrarsi anche a questo

Ci sono questioni che più di altre offrono occasione di ricorso a quegli espedienti retorici, noti come fallacie, in grado di dare, almeno agli sprovveduti, parvenza di argomento a un vizio logico, ma nessuna ne consente un impiego così largo come quella relativa all’eutanasia, quasi esclusivamente in suo sfavore, ma non solo, perché anche fra quanti riconoscono all’individuo il diritto di suicidio assistito non mancano coloro – anche per loro, come gli altri, non ha importanza far nomi – che ricorrono all’appeal to popularity («Oltre il 75% degli italiani è favorevole a una legge sull’eutanasia»), all’appeal to novelty («In tutti i paesi più progrediti il diritto alla “buona morte” è riconosciuto da decenni») o all’appeal to emotion («Costringere a vivere chi vuole morire è una delle più feroci crudeltà»), il che è robetta rispetto a quanto è vomitato dal fronte opposto, soprattutto con la reductio ad Hitlerum (nella versione classica: «Anche i nazisti ammazzavano i malati cronici dicendo che era per mettere fine alle loro sofferenze»; o nei suoi derivati: «Hitler almeno i disabili li eliminava a gratis») e con lo slippery slope («Si finirà per sopprimere tutti quelli che lo Stato considererà un peso economico insostenibile»), ma pure all’appeal to authority («Il quinto comandamento è categorico: non uccidere»), all’appeal to belief («Ripugna al comune sentire che un debole debba essere soppresso per il solo fatto di essere un debole»), all’appeal to pity («Il malato terminale ha bisogno di amore, non di un’iniezione letale»), al bandwagon («Una legge che consentisse l’eutanasia opererebbe un’intollerabile pressione psicologica anche su chi non fosse pienamente motivato a ricorrervi»), all’appeal to tradition (nelle diverse forme date alla tradition: «La vita non è nella disponibilità di alcuno», «Una cosa è il gesto pietoso e discreto che i parenti riescono a strappare al medico, un’altra è l’omicidio di Stato giuridicamente configurato», ecc.), al confusing cause and effect («In tutti i paesi dove l’eutanasia è legale il numero di persone che vi ricorrono è in costante aumento») e alle varie forme, isolate o più spesso combinate, di reductio ad hominem, guilt by association e straw man argument (esempio più emblematico: «Dice niente che fra quanti sono in favore dell’eutanasia siano in tanti ad essere anche a favore dell’aborto, del matrimonio gay, dell’utero in affitto e della droga libera?»), sicché si potrà avere un occhio di riguardo per chi frapponga indugio a entrare nel merito della questione, chiedendosi se abbia senso scendere in un dibattito pubblico avvelenato da tante fallacie. Dj Fabo è riuscito a sottrarsi anche a questo.

domenica 26 febbraio 2017

«L’esercito di medici assenteisti»


Prendo in considerazione solo il Corriere della Sera per il rilievo della testata, ma, al momento in cui mi appresto a scrivere quanto segue, Google news indicizza almeno altre due dozzine di siti che trattano la notizia allo stesso modo, in oltre la metà dei casi proponendo lo stesso titolo scelto dal quotidiano di Via Solferino («Lesercito di medici assenteisti»).
In realtà, fra i 55 dipendenti dellOspedale «Loreto Mare» per i quali la Procura di Napoli ha disposto larresto, i medici sono solo 2 – gli altri sono infermieri professionali (18), operatori sociosanitari (11), tecnici di radiologia (9), addetti alla manutenzione (9) e amministrativi (6) – ma di questo non cè alcuna traccia nel testo dellarticolo cui rimanda il tweet del @Corriere, nel quale si arriva addirittura a «55 medici assenteisti».
Premetto: non ho parenti o amici fra gli arrestati; nutro sommo disprezzo per gli assenteisti, in generale, e per quelli della sanità pubblica, in particolare; giacché son medico anchio, sfido chiunque a trovare nelle tredici annate di questo blog un solo rigo speso in difesa della categoria. Ciò detto, mi pare evidente che quello del Corriere della Sera sia un pessimo modo di fare informazione. Altrettanto evidente mi pare ciò che lo produce, poco importa se intenzionalmente, e dunque in malafede, o involontariamente, per miserrima compulsione al sensazionalismo: è il sentirsi al di sopra della realtà, quindi in diritto di piegarla a unattenzione tutta pre-indirizzata, né più né meno di come accade nel creare un bisogno che si traduca in domanda motivata solo dallofferta.
Viene il sospetto che le tutte tirate del Corriere della Sera contro gli spacciatori fake news che infestano il web intendessero solo riaffermarne il monopolio. 

[...]

Da un moto appena percettibile del capo, in cui vera tuttavia già un franco annuire di piena approvazione, la riflessione di Luca Sofri sullobiezione di coscienza (Coscienze a gratisWittgenstein, 24.2.2017) è arrivata a strapparmi un «bravo!» a metà del post, un «bravissimo!» a tre quarti e al penultimo periodo un «dopo averne detto peste e corna tante volte, stavolta mi è dobbligo complimentarmi pubblicamente». Al penultimo periodo, per lappunto, perché lultimo, peraltro fatalmente superfluo (immaginate lultimo colpetto di scalpello sotto il quale a Michelangelo va in frantumi la Pietà), era il seguente: «Le coscienze gratis, son coscienze vuote» (soggetto-virgola-verbo, che di Luca Sofri è praticamente la firma). Impossibile darvi altrimenti, qui, lesatta espressione del mio sconcerto:


venerdì 24 febbraio 2017

Stronzone d’un monsignore

Manca solo il Giuramento di Ippocrate fra i logori arnesi retorici che il fronte clericale ha già tirato fuori dal suo armamentario per riaccendere la polemica antiabortista, stavolta sul bando di concorso che lOspedale «San Camillo» di Roma ha indetto per coprire i due posti necessari a rendere efficiente il servizio di interruzione volontaria di gravidanza precludendone la domanda a chi fosse obiettore di coscienza, ma vedrete che già oggi, sennò domani, al massimo dopodomani, non mancherà il pretino a rammentarci che ancora una volta la classe medica viola il solenne impegno che lo vincolerebbe, fra laltro, alla difesa dellembrione, il che non è vero, perché il testo del giuramento attualmente in vigore è quello redatto e approvato nel 2007 dalla Federazione nazionale degli ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri, nel quale non compare più il passaggio relativo al divieto di praticare interruzioni di gravidanza («a nessuna donna io darò un medicinale abortivo»), mentre il richiamo alla «difesa della vita» e al «rispetto della persona» lasciano piena liceità a garantire prioritariamente quella della donna, come è nello spirito della legge 194, e tuttavia, vedrete, anche stavolta non si rinuncerà a risfoderare come argomento larrugginito spadone del «medico che viola il Giuramento di Ippocrate», che neppure meriterebbe dessere degnato di attenzione, ma che una volta tanto – una volta per tutte – può farci rispondere: «Stronzone dun monsignore, vuole che per la fedeltà al testo di Ippocrate si giuri pure “per Apollo, Asclepio, Igea e Panacea”?».

[...]

Don Pietro Savastano (Fortunato Cerlino) tira giù la zip dei pantaloni, fa pipì in un flute e lo porge a Ciro Di Marzio (Marco DAmore), chiedendogli di bere, di bere tutto, come prova di piena obbedienza e incondizionata sottomissione: «Devo capire se mi posso fidare di te», gli dice. Siamo nel bel mezzo della seconda puntata della prima stagione di Gomorra (Stefano Sollima – Sky Atlantic, 2014), e Ciro Di Marzio beve. Indugia, per qualche istante sembra essere sopraffatto dal disgusto, poi accosta le labbra al bicchiere e manda giù il primo sorso, e sembra scosso come da un conato di vomito, ma lo frena, e beve ancora, beve tutto.
Scena di grande impatto drammatico, ma a Roma, in quello stesso istante, se ne sta girando una molto più forte. È accaduto che una sera Gennaro Migliore è andato a dormire pseudorivoluzionario e s’è svegliato pseudoriformista, è uscito da Sel ed è entrato nel Pd, ma sono passate già due settimane e Matteo Renzi tarda a saldare. Probabilmente deve ancora capire se si può fidare di lui. Starà pensando a quale prova di fedeltà chiedergli. Gli si sarà inceppata la zip. Poi ecco che la cosa si sblocca. A Renzi devessere tornato in mente quello che Migliore ha twittato qualche mese prima («Quello che viene chiamato Italicum ha lo stesso orrendo odore del Porcellum che arriverà a impestilentire tutto il Paese»), e allora riempe il bicchiere e glielo porge: il relatore dellItalicum a Montecitorio sarà lui. Nessun indugio, la relazione va giù come acqua della salute.
«Cambiare idea – scrivevo quattro anni fa – è legittimo, addirittura salutare, perché rivela duttilità mentale, capacità di elaborazione autocritica e rifiuto della coerenza come rappresentazione di un Io infallibile, perciò immutabile. A un patto, però. Che cambiare idea non sia motivato da un tornaconto e che si sia in grado di spiegare in modo adeguato cosa ce l’abbia fatta cambiare, meglio ancora chiarendo il come, cioè in che modo gli argomenti che sostenevano la vecchia sono caduti sotto il peso di quelli che sostengono la nuova» (Cambiare idea Malvino, 3.9.2013).
Comè evidente, formulavo la questione senza far cenno alla questione tempo, perché per «idea» intendevo «opinione»: prendevo in considerazione il cambiare idea su qualcosa, non la radicale trasformazione di un pensiero, soprattutto poi se di un pensiero strutturato su uno schema dottrinario rigido come ci si attenderebbe in chi si dichiara tanto comunista da volerlo addirittura rifondare, il comunismo. Mi si obietterà che il comunismo è una fede, e che una fede si può acquistare o perdere in una frazione di secondo: controbietterò che si può sostenerlo solo giocando sull’ambiguità di un termine come fede, perché è vero che un credo politico può esprimersi in forme assai simili a quelle dellappartenenza ad una confessione religiosa, ma non può darsi in forma di rivelazione.
Passi, dunque, per il cambiare idea sullItalicum, daltronde la legge aveva subìto pure qualche ritocchino. Ma quanto tempo ha impiegato, Migliore, per rifarsi la Weltanschauung? Perché una cosa è chiara, e pare evidente fuor di ogni dubbio dal raffronto tra quanto Migliore ha sempre detto e scritto fino ai primi mesi del 2014 e quello che si legge nella lettera che Il Foglio gli pubblica mercoledì 22 febbraio: si tratta di due idee di «sinistra» completamente diverse. Chiariamo, dunque: se Migliore sfiora la nostra attenzione, non è perché ci prende il gusto di impiccarlo a quel che affermava due o tre anni fa su Renzi e sul Pd, tanto meno per sbellicarci dell’accusa di «gattopardismo di una classe dirigente sempre pronta a riciclarsi» che muoveva a chi lo anticipava nel cambiare campo. Quello che ci interessa è altro: qual è il tempo minimo necessario per poter cambiare idea su cosa sia davvero «sinistra»?
Ecco perché sarebbe estremamente utile che Migliore trascurasse un po’ le sue peraltro scialbe comparsate televisive per dedicarsi alla stesura di un saggio, o almeno di un pamphlettuccio, che ci edifichi su come ha fatto a sbrigarsi tanto in fretta.

Postilla Nella lettera che Migliore scrive a Cerasa c’è un passaggio che desta una perplessità assai pungente: «Per me è di sinistra provarci, magari fallire, riconoscere l’errore e tornare a provarci. Come fece quel sarto a Ulm, appassionato di meccanica, che si schiantò al primo tentativo, ma non rinunciò a provarci. Come ha fatto Renzi». Il riferimento è alla nota poesia di Bertolt Brecht, nella quale il sarto prova a volare lanciandosi dal tetto della cattedrale di Ulm, ma precipita, e muore, andando a sfracellarsi sui «duri, duri selci del sagrato», senza alcuna possibilità di poter riprovare. Pare evidente che, al ritorno di Renzi a Palazzo Chigi, Migliore debba essere sottoposto a un’altra prova di fedeltà. 


giovedì 23 febbraio 2017

[...]

Direi che al San Camillo le cose siano state fatte proprio bene, perché il bando di concorso era per due unità di personale specificamente richieste per il servizio di interruzione volontaria di gravidanza, non per quello di Ostetricia e Ginecologia, quindi il diritto di obiezione di coscienza non è stato toccato: ogni obiettore aveva piena libertà di non partecipare al concorso, dopo aver preso atto che i suoi termini confliggevano con i propri principi. Certo, si alza il polverone, infuriano le polemiche, ma, dopo limmancabile e tormentato percorso ad ostacoli nelle aule dei tribunali, la cosa passerà. Anche stavolta, come con la legge 40, Beatroce Lorenzin avrà di che logorarsi i nervi.