mercoledì 15 marzo 2017

Apri parentesi. Chiudi parentesi.


Apri parentesi. Com’è possibile che a tanti Matteo Renzi nemmeno sembra di sinistra e poi fra i suoi più convinti sostenitori si ritrova un Giuseppe Vacca, che, in quanto presidente dellIstituto Gramsci, non può non essere comunista? In favore dei poveri di spirito che possano essersi fatti cogliere da questa perplessità, Lilli Gruber pone la domanda al diretto interessato, che risponde: «E che centra? Gramsci è morto». Chiudi parentesi.

Apri parentesi. Non mancate alla tavola rotonda su «Attualità del pensiero di Antonio Gramsci» che oggi si terrà allIstituto Gramsci. Presiede il presidente, Giuseppe Vacca. Chiudi parentesi.


9 commenti:

  1. Ahah, Vacca è un genio. Comunque non preoccuparti che è già pronto l'altro gramsciano a prendere il suo posto, mi riferisco al Fusaro, poi ti voglio vedere a prendertela coi ragazzi del liceo.

    RispondiElimina
  2. ...probabilmente, la tavola rotonda durerà giusto il tempo di dire, aperte virgolette: "Non è attuale". Chiuse virgolette, punto.

    RispondiElimina
  3. Ad essere maliziosi verrebbe da pensare che al signore in questione di Gramsci gliene importi proprio poco. Ma la poltrona che gli hanno assegnato è così comoda che vale la pena inventarsi qualche minuto di supercaszzola sull'attualitò del suo pensiero.

    RispondiElimina
  4. Veramente, a giudicar dalla locandina, il convegno sull'attualità del pensiero di Gramsci ha preceduto di diversi mesi (30/31 gennaio 2014) la rivelatrice intervista del prof. Vacca con Gruber. E' possibile che detto convegno sia servito a far concludere al Presidente dell'Istituto Gramsci che in effetti su quel pensiero è meglio metterci una pietra. Che, insomma, convenga mandare tutto in vacca.

    RispondiElimina
  5. Agghiacciante. Il miglior modo per ricordare Gramsci è quindi in una messa serale televisiva, nel bel mezzo della 'grossa crisi' sociale: Gramsci è morto. Orco boia..
    Prima o poi appaiono, appaiono all'improvviso come uno squarcio d'accetta di Jack Torrance : -| : -D

    E a questo punto la risposta, a bruciapelo, non può che esser: «Ma quando è morto??? Notizia sconcerta e rattristra. STOP. Condoglianze a famigliari. STOP. Il mondo del calcio perde non solo un grande fuoriclasse ma anche grande fair play e accountability...STOP» (equamente suddiviso in tre tweet)

    ma in realtà avrebbe tanto tanto voluto dire: «E che c’entra? Gramsci è un morbo». Il corollario. Ormai è chiaro, è più di una palla al piede: è un morbo che cammina. Hanno creato un potentissimo intruglio contro il terribile morbo del pensiero. Un fardello morale ormai troppo pesante, il fantasma della coscienza ormai insozzata (per sempre?)
    E ora possiamo togliere anche l'ultimo vergognoso punto di domanda. L'ultimo dubbio. (Quante volte han scritto che la sinistra era morta e subiro dopo rinata con personaggi da ruota della fortuna?)

    Il futurismo non è nient'altro che l'alienazione. Un'alienazione talmente profonda e strutturata che sembra valer persino quel «Enrico sta con noi» del comico. E a carnevale si sa, ogni scherzo vale.






    RispondiElimina
  6. Cazzarola, ma dalla locandina risulta che al convegno c'era anche Pietro Rescigno.
    Pensavo fosse morto pure lui.
    Stia bene, sempre utile passar di qui.
    Ghino La Ganga

    RispondiElimina
  7. Dottor Castaldi,
    mi dispiace importunarla, ma in questa cosa solo Lei può rispondermi.
    Ricordo che anni fa lessi sul suo blog un passo, probabilmente di un Padre della Chiesa, che elencava una serie di posizioni sessuali "ammesse" fra cui c'era pure il sesso anale considerato lecito se si concludeva in vagina. Purtroppo non riesco più a ritrovare il suo pezzo, né a ricordare l'autore per rintracciarlo su altri testi. Lei può indicarmi in suo post oppure darmi i riferimenti si una si divertente citazione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricorda male. Si trattava del commento di un lettore (non saprei dirle a quale post, certamente però antecedente al marzo del 2010, perché sono sicuro sia accaduto quando Malvino editava su ilcannocchiale.it), che però non riportava la fonte. A quanto ne so, tuttavia, non c'è alcun Padre della Chiesa che consideri lecito il coito anale se concluso in vagina (per la dottrina cattolica il coito anale è sempre peccato, e peccato grave), mentre solo qualche malferma interpretazione degli scritti della Scuola di Salamanca (del Suarez, in particolare) lascerebbe credere gli si dia ammissibilità. Saluti.

      Elimina