lunedì 22 febbraio 2021

Il metodo Funiciello

 


Marco Travaglio ama caricaturizzare. Ora è chiaro che anche la caricatura è un ritratto, ma cosa ci dà del soggetto che ritrae? Solo i tratti salienti, per giunta enfatizzandoli nelliperbole, nello sproposito. Così, nella caricatura, la persona torna ad essere la maschera di legno indossata dallattore sulla scena del teatro greco, mero πρóσωπον, mero aspetto, il cui carattere è mero χαρακτήρ, impronta, marchio, segno distintivo: una maschera che amplifica la voce dellattore (per-sonar), e che al primo sguardo consente di comprenderne contesto e ruolo, ma con ciò quanto sappiamo dellindividuo che ci sta dietro? Cosa ci dice di Antonio Funiciello, chiamato giorni fa a ricoprire il ruolo di capo gabinetto del governo Draghi, la caricatura offertaci da Marco Travaglio (Cafone il CensoreIl Fatto Quotidiano, 16.2.2021)?

«Nato a Piedimonte Matese (Caserta) 45 anni fa, il nostro eroe è laureato in Filosofia e giornalista pubblicista, il che gli fa credere di essere un “intellettuale liberale”. Ha pubblicato alcuni libri all’insaputa dei più e collaborato con Riformista, Europa , Liberal (tutti falliti) e poi col Foglio e l’Espresso (auguri ai colleghi). Blairiano e clintoniano fuori tempo massimo e all’insaputa di Blair e Clinton, è un patito degli States, soprattutto del Texas, che sta a lui come il Kansas City stava a Nando Mericoni. Ma la sua vera vocazione è il consigliere dei principi o presunti tali...». Segue uno svelto curriculum vitae: «Per 10 anni portaborse di Morando e poi di Zanda, che sono già belle soddisfazioni, divenne veltroniano e napolitaniano, poi si avvicinò persino a Ichino e Tonini, che ne fecero il direttore di una cosa denominata “Libertà Eguale”. E aggiunsero la sua firma a un mitico “Appello per l’Agenda Monti”. Epifani lo promosse financo a “responsabile Cultura” del Pd: ma fu un attimo, poi lo riconobbero. Lui, deluso, passò al servizio dell’Innominabile, che lo elevò a direttore del comitato referendario BastaunSì e – riferivano le cronache, senza offesa – “braccio destro di Lotti”...». Perché Cafone? In un tweet «definì Chiara Appendino in dolce stil novo “bocconiana come Sara Tommasi”». Perché Censore? «Nel 2016 questo Anzaldi minore divenne l’occhiuto censore dei due-tre critici della schiforma Boschi-Verdini, “monitorando tutti i programmi tv” e presentando un “esposto all’Agcom” per disinfestare La7 dalla “persistente manifesta violazione della normativa” perpetrata invitando giornalisti del Fatto “che si sono espressi chiaramente per il No”, anziché far parlare a reti unificate il Sì».

Tutto molto divertente, senza dubbio, ma con ciò ci è dato senso del perché, e soprattutto del come, il Funiciello sia stato nominato capo gabinetto del governo Draghi? La scena è quella di un governo sul quale le più acute intelligenze patrie – si fa per dire – si scervellano per capire se sia tecnico, politico o tecnico-politico, e qui, su questa scena, ecco che compare un personaggio cui lart. 7 del Decreto legislativo n. 300 del 30.7.1999 (Riforma dellorganizzazione del Governo) assegna un ruolo tanto importante quanto poco noto ai più, per giunta contemplandone la scelta tra «esperti, anche estranei allamministrazione, dotati di elevata professionalità» (comma 2, lettera e), e tu, fessacchione dun Travaglio, come mi liquidi la questione? «La stima che nutriamo per Draghi ci fa escludere che sia stato lui a scegliersi come capo di gabinetto Antonio Funiciello. Basta scorrere le biografie dei due per escludere che si siano mai incontrati neppure per sbaglio, in treno, in aereo, in ascensore. Né, nel Governo dei Migliori, possono esser bastati gli slurpissimi tweet del Funiciello all’avvento di Draghi». Bene, e allora? «Qualcuno deve aver tirato un pacco a SuperMario, approfittando della confusione generale». Cè da supporre, dunque, che Draghi ignori il potere che è in mano a un capo di gabinetto? Sia, ma è possibile che lo ignori anche Travaglio, e al punto da trattare con tanta leggerezza la questione? Scrive che Funiciello «ha pubblicato alcuni libri all’insaputa dei più»: è evidente che anchegli ne faccia parte, perché lultimo che Funiciello ha scritto (Il metodo Machiavelli – Rizzoli, 2019) ha dato molto da discutere nel sottobosco della politica italiana nei mesi passati e, senza eccezioni, con lode. Lascio al lettore il compito di intendere cosa, qui, io voglia intendere con sottobosco della politica italiana: basterà cercare «Funiciello» su Youtube e nellarchivio di Radio Radicale, guardare i nomi di chi si è offerto a promuovere Il metodo Machiavelli, sentire dalle loro voci perché si trattasse di un libro notevole (e notevole, qui, sia inteso in senso letterale), soprattutto in relazione alla sua dichiarata filosofia di fondo, espressamente richiamata dal sottotitolo («come servire il potere e salvarsi lanima»).

Quando il libro uscì, mi saltò luzzolo di una recensioncella, che poi lasciai in sospeso nella cartella delle bozze. Da lì traggo qualche stralcio che credo dia unidea dellautocomprensione che lindividuo assegna alla sua maschera: «In Italia, la riflessione sulla funzione di chi consiglia i detentori della decisione è assente. In più, il discredito diffuso di cui gode la classe dirigente in Italia diffama chiunque eserciti un qualsiasi mestiere collegato alla politica. [...] Senza gli uomini e le donne che lavorano alla loro ombra, semplicemente non ci sarebbero i leader. E senza i leader non ci sarebbe la politica».

Versione soft very very very soft, direi – di quello che invece poteva permettersi lAnonimo autore di un libro uscito solo pochi mesi dopo (Io sono il potere – Feltrinelli, 2020), sottotitolo: Confessioni di un capo gabinetto. Qui, la certezza che senza leader non ci sarebbe politica, e che senza «gli uomini e le donne che lavorano alla loro ombra» non ci sarebbero leader, è liberata da eufemismi e reticenze: «Io non faccio qualcosa. Io sono qualcosa. Io sono il volto invisibile del potere. Io sono il capo di gabinetto. So, vedo, dispongo, risolvo, accelero e freno, imbroglio e sbroglio. Frequento la penombra. Della politica, delle istituzioni e di tutti i pianeti orbitanti. Industria, finanza, Chiesa. Non esterno su Twitter, non pontifico sui giornali, non battibecco nei talk show. Compaio poche volte e sempre dove non ci sono occhi indiscreti. […] Noi capi di gabinetto non siamo una classe. Siamo un clero. Una cinquantina di persone che tengono in piedi lItalia, muovendone i fili dietro le quinte. I politici passano, noi restiamo. Siamo la continuità, lo scheletro sottile e resiliente di uno Stato fragile, flaccido, storpio fin dalla nascita. Chierici di un sapere iniziatico che non è solo dottrina, ma soprattutto prassi. [...] La legittimazione del nostro potere non sono il sangue, i voti, i ricatti, il servilismo. È lautorevolezza. Che ci rende detestati, ma anche indispensabili. Noi non siamo rottamabili. Chi ci ha provato a fare a meno di noi è durato poco. E sè fatto male».

Dietro lanonimato non si è costretti ad abbellire il concetto, come fa il Funiciello. Del potere, per dirla con il Foscolo, lAnonimo sì che «sfronda gli allori». E dunque è lui che sapparenta strettamente a Machiavelli, è lui che ne fa proprio il metodo, è lui che, come il Machiavelli nella dedica a Lorenzo de Medici, rinuncia alle «clausule ample», alle «parole ampullose», a «qualunque altro lenocinio o ornamento estrinseco». Non il Funiciello, il cui libro ha in comune col Principe solo il tentativo di rientrare in gioco, qui dopo lesperienza di capo gabinetto del governo Gentiloni, lì dopo la cacciata in esilio da Firenze. Un libro quasi esclusivamente autoreferenziale, e di una autoreferenzialità assai efficace a giudicare dai risultati. Così, se un «metodo Machiavelli» possiamo attribuirgli, è quello che lo scaltro Niccolò mise in atto quando si fece spedire dal Guicciardini lettere cui erano apposti sigilli papali per far colpo sul Gismondi, presso il quale era ospite, e così ottenerne deferenza e favori. Eccolo, dunque, illustrarci la sua collezione di ceralacche: «Al seguito del presidente Gentiloni ho incontrato, talora in più di un’occasione, i principali attori politici dello scenario globale... Ricordo l’intelligenza politica di Angela Merkel... Anche l’eccezionalità di Donald Trump mi ha molto impressionato... Ho stimato Theresa May... Emmanuel Macron è un politico preparatissimo... Xi Jinping è sicuramente il leader globale più visionario … Vladimir Putin infine...». In quanto agli arcana imperii, poco più di niente. In compenso, Il metodo Machiavelli funziona a meraviglia da manuale per il maggiordomo dalto livello, basti una scorsa ai titoli dei paragrafi del terzo capitolo, che a titolo reca Le regole del perfetto consigliere («Il potere dellaccesso», «Il lavoro di gruppo: gerarchia contro caos», «Gestire la pluralità, evitare i conflitti», «Tenere a freno il proprio ego», «Allearsi con i burocrati», «Il dovere di proteggere il leader», «Il potere di informare il leader») e leggere con attenzione la chiusa: «Bisogna saper osservare un leader. Il proprio e gli altri leader, con cui il proprio è sempre in competizione, anche quando è momentaneamente alleato con uno o più di loro. Bisogna conoscerlo a fondo. Sapere che studi abbia svolto o non abbia svolto, tenere costantemente presente il suo background sociale e territoriale, apprendere minuziosamente come ragioni, quali schemi logici applichi con maggiore frequenza, chi siano i suoi maestri, ammesso che ne abbia, quali le sue preferenze estetiche (anche pessime), quali tic, quali debolezze attanaglino il suo cuore, quali siano le persone influenti presso di lui, e cercare di capire tutto questo entrando in contatto con chi lo conosce da tempo, leggere ogni cosa sia stata scritta su di lui e andare alla ricerca di occasioni per incontrarlo di persona». È di appena qualche pagina addietro la filosofia di questo maggiordomo al quale lo sgrignaffare di tanto in tanto i sigari del suo padrone dà la certezza di esserne «consigliere», qualifica che chiaramente esorbita gli estremi posti al ruolo dal succitato Decreto legislativo n. 300 del 30.7.1999: «Il servizio presso un leader – scrive il Funiciello – è fine a se stesso. Tutto quanto il consigliere può ricavarne, in termini di elevazione professionale, intellettuale, morale, economica è la diretta conseguenza dei risultati che realizza nell’esercizio della propria funzione ancillare. Il cattivo servizio finisce quasi sempre in disgrazia: o perché il leader se ne accorge e sostituisce il consigliere con uno schiocco di dita; o perché il leader finisce in rovina a causa dei cattivi servizi del suo collaboratore, che precipita nel discredito insieme al suo capo. In quest’ultimo caso, sarà un’impresa quasi impossibile scrollarsi di dosso la cattiva reputazione di essere stato l’artefice del fallimento».

È per questo che lasciai a metà la recensioncella de Il metodo Machiavelli: più che ipocrita, mi sembrò patetico. La ragione è presto detta: dietro queste affannose e spesso invereconde corse a conquistare un ufficio presso un ministero, una consulenza presso un ministro, un posticino in questa o quella task force governativa, in questo o in quel comitato tecnico-scientifico, io vedo il dramma umano di chi ha scelto la Politik o la Wissenschaft come Beruf in unepoca in cui sè pienamente compiuto quello che Max Weber chiama «processo di espropriazione politica», dando vita alla figura del funzionario: è da un bel po di tempo che «la politica può essere esercitata o mediante “cariche onorifiche”, e quindi da coloro che si usa chiamare “indipendenti”, ossia persone facoltose, soprattutto persone che vivono di rendita; oppure, viene messa alla portata dei meno abbienti e bisogna allora corrispondere un compenso. Il politico di professione il quale viva con la politica può essere un semplice “beneficiario” oppure un “impiegato” stipendiato. Egli trae quindi un reddito da contributi o emolumenti per determinati servizi – le mance e le somme ricevute per corruzione sono soltanto unaberrazione irregolare e formalmente illegale di questa categoria di entrate [qui, con la professionalizzazione dellattività di lobbying, le cose andrebbero un po riviste, nel senso che laberrazione arriva a diventare sostanzialmente regolare e assai difficilmente comprovabile come illegale] –, oppure percepisce un compenso fisso in natura o uno stipendio in denaro, o anche entrambi. Può assumere il carattere di un “imprenditore”, come il condottiero o lappaltatore daltri tempi, o come il boss americano, il quale considera le sue spese alla stregua di un investimento di capitale, che egli rende fruttifero col valersi della propria influenza. Oppure può percepire una remunerazione fissa, come un redattore o un segretario di partito o un moderno ministro o un funzionario politico». E poco oltre: «Lo svilupparsi della politica in un “esercizio professionale” […] determinò la separazione dei funzionari pubblici in due categorie, non certo nettamente separate, ma tuttavia chiaramente distinte: funzionari tecnici da una parte, funzionari politici dallaltra». Caratteristica eminente di questa seconda categoria? «Possono essere in qualunque momento trasferiti o congedati».

Perde peso, dunque, quanto abbiamo letto nelle Confessioni di un capo gabinetto: «I politici passano, noi restiamo», ma non è così, come dimostra lo spoils system che alla caduta del governo Gentiloni vede la messa in congedo di Antonio Funiciello. Certo, alcuni capi di gabinetto di questo o quel ministero possono essere riconfermati nel loro impiego anche al mutare dei governi, non di rado anche di governi di opposto segno politico, ma questo non accade quasi mai col capo di gabinetto della Presidenza del Consiglio. Qui la natura politica del funzionario si sgancia da ogni sua esperienza tecnica, perché il suo ruolo è sostanzialmente quello di stilare lagenda del suo datore di lavoro, selezionare le informazioni che gli devono arrivare e gli incontri che è più opportuno abbia, stare a sentinella dei suoi umori e dei suoi dubbi. Ruolo certamente di rilievo, senza dubbio impiastricciato di qualche potere, ma che di tecnico ha solo ciò che attiene alla gestione della casa, e di «competente» ha solo ciò che implica quel che compete – come già si è detto – al maggiordomo dalto livello.

Questo parallelismo non deve essere inteso come sminuente il ruolo del capo di gabinetto di un Presidente del Consiglio. Daltronde basta uno sguardo alla manualistica del perfetto maggiordomo dei tempi andati e alle autobiografie dei più celebri maggiordomi, per dare il giusto significato al loro essere «consiglieri». Certamente prestigioso il compenso, sicuramente esaltante lessere di casa lì dove si esercita il potere, assodato il fruttuoso trarne vantaggi in termini di relazioni, ma siamo in presenza di un servitore, e non dello Stato, come potrebbe ben rivendicare il funzionario tecnico che, governo dopo governo, resta al suo posto, ma della parte politica che esprime il Presidente del Consiglio: siamo in presenza di un funzionario politico, le cui sorti sono legate, nel migliore dei casi, a quelle del suo datore di lavoro e, in quello peggiore, ai suoi giramenti di coglioni. Ogni perplessità riguardo a questo ruolo rischia inevitabilmente di risultare prosaica, perché il titolare di una rosticceria ben avviata guadagna senza dubbio di più, ma non ha alcun modo di poter sviluppare – e qui torna utile citare ancora Weber  quella sensazione di poter esercitare «unazione sugli uomini» per quella partecipazione al «potere che li domina», il quale «seppur in posizioni modeste dal punto di vista formale», produce «il sentimento di avere tra le mani un filo conduttore delle vicende storiche e di elevarsi al di sopra della realtà quotidiana». Sentimento che dà vita più frequentemente ad una bolla percettiva che a una vera e propria élite. È che l’intellettuale (sensu lato) da sempre sovrastima il suo reale potere, perché sottostima quello della classe che lo mette a libro paga. Produce sovrastrutture, ma allucina la costruzione di plinti e pilastri. 

Lho già scritto su queste pagine, ma qui mi pare che la tutta presunta natura tecnica di questo tipo di funzionari politici riveli la vera natura di quella «competenza» che solo ai gonzi può sembrare essere conoscenza ed esperienza al di là e al di sopra degli interessi che di volta in volta essa è chiamata a curare, ma che in realtà è il mero risultato della «competizione» che una data classe egemone indìce per selezionare le intelligenze che meglio possano servire le proprie esigenze, che in primo luogo sono relative alla conservazione dell’egemonia. In tal senso, quello che, qui e altrove, viene celebrato come «competente» altro non è che laspirante che abbia saputo dimostrare per tempo di poter meglio svolgere il compito al quale è chiamato. A consigliare Funiciello a Draghi è stato quasi certamente Gentiloni, Il metodo Machiavelli era una lettera di referenze.

giovedì 11 febbraio 2021

Ecco, l’ho detto.

 

Uno dei post più letti su queste pagine (28.661 accessi, quasi tutti da Google, col titolo come chiave di ricerca) attacca a questo modo: «Cambiare idea è legittimo, addirittura salutare, perché rivela duttilità mentale, capacità di elaborazione autocritica e rifiuto della coerenza come rappresentazione di un Io infallibile, perciò immutabile. A un patto, però. Che cambiare idea non sia motivato da un tornaconto e che si sia in grado di spiegare in modo adeguato cosa ce l’abbia fatta cambiare, meglio ancora chiarendo il come, cioè in che modo gli argomenti che sostenevano la vecchia sono caduti sotto il peso di quelli che sostengono la nuova» (Cambiare idea, 3 settembre 2013).

Bene, nessun cambio di idea dei tanti, dei troppi, dei continui cambi di idea che da tempo ci offre la cronaca politica italiana rispetta questi requisiti: tutti i suoi protagonisti cambiano idea senza sentire alcun bisogno del dar conto del perché l’abbiano cambiata, tanto meno del come siano arrivati a cambiarla, e spesso si tratta di idee sulle quali si erano giocati il nome, la faccia, la storia personale; non di rado, poi, questo accade con un’improntitudine che impone a chi abbia un minimo di onestà intellettuale di vergognarsi in loro vece, soprattutto, come spesso accade, quando al rilievo del patente aver cambiato idea oppongono un netto, talvolta addirittura risentito, diniego; e qui non parlo del negare ciò che si è detto appena il giorno prima, ma del buttare con incredibile disinvoltura nel cesso, oggi, quello che dichiaravano irrinunciabile, ieri.

È dinanzi a queste oscene prove di miseria umana che io, stasera, volgo il mio pensiero a Maurizio Paolo Ferrari, brigatista irriducibile, l’unico forse a non essersi mai pentito e mai dissociato, trent’anni di dura galera senza sconti di pena, e a Vincenzo Vinciguerra, ordinovista, autore della strage di Peteano, l’unica strage italiana di cui sappiamo chi sia l’autore per sua piena, fiera, responsabile confessione, un ergastolo affrontato con una dignità senza pari; e a loro porgo il mio profondo, sincero, ossequioso rispetto. Ecco, l’ho detto. 

venerdì 5 febbraio 2021

La fine del mondo

 

«... et vidi caelum novum et terram novam,

primum enim caelum et prima terra abiit...»

Ap 21, 1


Le stime variano sensibilmente – c’è chi dice che accadrà tra 7,5 miliardi di anni e chi dice che accadrà molto prima, tra 5 miliardi di anni – ma la cosa pare fuori discussione: da nana gialla il Sole si trasformerà in gigante rossa, espandendosi fino a inglobare la Terra, polverizzandola. In ogni caso, quando ciò accadrà, la Terra avrà già smesso di essere abitabile da qualsivoglia forma di vita animale o vegetale da almeno 2 o 3 miliardi di anni, e, in quanto all’uomo, pare che le condizioni diverranno proibitive assai prima. Si stima, infatti, che di qui a 600 milioni d’anni la vita umana sarà materialmente impossibile sulla Terra, ma c’è chi sostiene che già tra 130.000 anni all’uomo verrà meno ciò che fin qui gli è stato indispensabile per abitarla, e questo al netto di inquinamento, pandemie, guerre nucleari o impatto di meteoriti: ben prima di essere inghiottita dal Sole, alla Terra verrà meno la biosfera, e con essa ogni materiale possibilità di vita umana, se non di vita in senso lato, giacché alcuni batteri potrebbero resistere.

È assodato, dunque, che una fine del mondo ci sarà, sia che con questa locuzione si voglia intendere la scomparsa del pianeta, sia che l’irriducibile antropocentrismo che ci portiamo dentro da sempre ci porti a considerarlo finito con la scomparsa del genere umano. E tuttavia, dacché mondo è mondo, il genere umano ne ha sempre immaginato la fine assai in anticipo rispetto a queste tutto sommato lontanissime scadenze, e questo è accaduto anche quando era ben lungi da venire un’idea di responsabilità umana in ordine alle condizioni di abitabilità del pianeta o a quelle relative ad una sostenibile convivenza: ben prima che l’uomo acquisisse coscienza del fatto che la fine del mondo potesse dipendere anche da lui, la catastrofe finale, definitiva, irreversibile e irreparabile, è sempre stata all’orizzonte come evento relativamente prossimo, e dunque incombente. Non sarà il caso, qui, di entrare in una dettagliata disamina delle date di volta in volta poste a scadenza del mondo, sta di fatto che, rispetto al momento in cui era previsto, l’evento catastrofico finale non è mai stato posto più in là dei 2-3.000 anni. C’è poi da considerare che più in là era prevista la fine del mondo e meno la previsione era formulata in modo inequivoco, fino al punto da non poter neppure essere certi che di una previsione si trattasse, e proprio di una previsione di fine del mondo. Al contrario, più la scadenza era vicina e più l’evento catastrofico finale aveva tratti definiti, talvolta addirittura assai precisi, comunque avvolti nel mistero, certo, ma in ogni caso tali da rendere configurabile, di massima, lo scenario. Qui non mi intratterrò sulle variabili che di volta in volta hanno caratterizzato lo scenario catastrofico finale previsto, limitandomi a considerare una delle sue costanti: la fine del mondo ci è di regola rappresentata come una rivelazione, e cioè come una αποκάλυψις, che letteralmente è discoprimento, con ciò dando alla rivelazione il senso di un’azione, che ovviamente ha un attore.

La previsione della catastrofe finale da parte di questo attore della rivelazione è letteralmente una pre-visione: egli vede la catastrofe finale prima che essa accada, e ne dà annuncio predittivo, anche qui nel senso letterale del termine: la sua pre-dizione non è effetto di una congettura, di un’ipotesi, ma della stessa pre-visione dell’evento. La sua azione, dunque, è letteralmente una profezia, una προ-φητεία, un parlare che precorre il tempo. In tal senso, la figura è perfettamente antitetica a quella di chi annuncia l’avvento del Millennio, del Paradiso in terra, di quell’altra fine della storia che non coincide con la fine del mondo, ma con l’eternamento del suo compiuto fine dialettico (luogo in cui la fine e il fine trovano la lisi di ogni conflitto), sicché anche la profezia della catastrofe finale è un’utopia: utopia negativa, certo, ma con aderente analogia di modello, giacché in entrambi i casi la cosa è da venire, e c’è chi l’annuncia, la pre-vede, la pre-dice; in entrambi i casi, essa è fatale, nel senso che è insieme inevitabile e ultimamente risolutiva; in entrambi i casi, essa ha effetti su tutti, senza eccezioni, e sono effetti radicali, definitivi, irreversibili; in entrambi i casi, essa è sola risposta possibile alla crisi che non vede via duscita soddisfacente in quelle che offre la storia. Come quella positiva delletà delloro, anche lutopia negativa della fine del mondo è la negazione della storia come luogo in cui i problemi trovano soluzione: non riuscendo a trovarla, la si cerca fuori, nel non-luogo per eccellenza.


[segue]


giovedì 4 febbraio 2021

In breve

 


Il sapere non è mai politicamente neutro, non lo è mai stato, non lo sarà mai, perché ciò che lo motiva e lo indirizza, lo sostiene e gli dà fine, è sempre sociale, ineluttabilmente sociale. Ma c’è di più: se la morale altro non è che la pretesa di assolutizzare i mores di una società (i mores che la parte egemone di una società riesce a imporre come informati da valori assoluti) e se l’etica altro non è che la pretesa di imporre un certo ethos come superiore e antecedente all’uomo, o in lui connaturato, e in ogni caso, perciò, universale, eterno, ubiquitariamente valido, e dunque necessariamente cogente, il sapere non è mai moralmente o eticamente neutro. Ne consegue che la competenza in un qualsiasi campo del sapere non può mai dichiararsi politicamente, moralmente, eticamente neutra: se lo fa, è solo per spacciare come indiscutibili moventi e fini sui quali la politica è chiamata a discutere e, peggio, per spacciarli come moralmente ed eticamente superiori rispetto a quelli che dalla discussione politica escono vincenti. Dietro ogni competente c’è la vittoria che egli ha conseguito nella competizione indetta dalla parte egemone di una società al fine di selezionare il sapere che più sia in grado di conservare ed eventualmente potenziare la sua egemonia. Non c’è molta differenza tra le tavole della legge dettate da un roveto ardente e un vitello d’oro costruito dagli uomini: in entrambi i casi, l’esigenza è quella di zittire, ridurre all’obbedienza, sterilizzare la politica, toglierle le ragioni che le danno vita. Nel primato della tecnocrazia sulla democrazia c’è l’incoercibile tentazione chiliastica alla fine della storia, al sopimento dei conflitti, al compimento ultimo di tutte le dialettiche: la parte egemone di una società tenta di perpetuare i suoi privilegi appaltandone la difesa a chi ha pretesa di saperli dimostrare necessari al conseguimento del bene comune. Nell’impossibilità di una democrazia che non sia altro che un’oligarchia ben dissimulata, la tentazione tecnocratica sarà sempre allettante.

domenica 3 gennaio 2021

«Per fare del bene puoi usare qualunque metodo»

 

Cè un punto in SamPa, la docuserie di Netflix di cui tanto si parla in questi giorni, in cui Vincenzo Muccioli dice che quel che fa, coercizioni e punizioni comprese, non torna a vantaggio solo del tossicodipendente, ma anche della società: lasciare che un eroinomane continui a bucarsi vuol dire mettere in conto che compierà reati per pagarsi il buco, quindi usare le maniere forti con un drogato, se è il caso, non significa soltanto salvare lui dal degrado umano, ed eventualmente da una letale overdose, ma anche salvare la vecchietta che da lui potrebbe essere scippata della pensione, procurandole eventualmente un trauma cranico e la morte.

Niente è uguale a nientaltro, è ovvio, però a me pare che la cosa valga anche per lobbligo vaccinale: costringere qualcuno a vaccinarsi contro la sua volontà non salva solo lui dalla patologia infettiva che potrebbe ammazzarlo, ma protegge anche la società da un potenziale untore. Insomma, chi è a favore dellobbligo vaccinale potrebbe a buon diritto far propria la filosofia di San Patrignano, che dà risposta affermativa alla domanda che chiude lintro prima dei titoli di testa del primo episodio della docuserie: «Per fare del bene puoi usare qualunque metodo?». Anche volendo fottertene del drogato, che comunque ingrassa la delinquenza organizzata e ruba un posto in terapia intensiva a chi ha un infarto o un ictus, pensa alla povera vecchietta: come fai a dire no? Daltronde è il tossicodipendente che ha liberamente scelto di entrare a farte della comunità di San Patrignano, con ciò impegnandosi a condividere il concetto di bene che vige lì dentro: non è lo stesso impegno cui è tenuto un no-vax per la semplice ragione di voler vivere in una società che a stragrande maggioranza ritiene che vaccinarsi sia un bene?

Per il suo bene, per il bene della società, deve essere costretto a vaccinarsi contro la sua volontà. Ovviamente non lo incateneremo nella porcilaia, come Muccioli faceva con chi voleva sottrarsi alla regole di San Patrignano, ma qualche punizioncella, qualche coercizioncella, via, che male gli può fare? «Per fare del bene puoi usare qualunque metodo», basta non esibire con troppa sfacciataggine il Muccioli che hai dentro. A chi solleva qualche obiezione facendo appello allart. 32 della Costituzione («Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario...»), rammenta che la frase è monca (subito dopo cè scritto: «... se non per disposizione di legge») e che lo stesso articolo contempla la salute come «interesse della collettività», però tieniti pronto a dichiararti contrario alle misure punitive e coercitive che a Wuhan hanno fatto sparire il virus: confuciano dentro sì, ma il guardaroba sia da progressista, con ampia libertà per gli accessori (meglio quelli liberali, ma vanno bene pure quelli cattocomunisti).


Nota

Nel post qui sotto ho citato lOlivier Babeau che nei social vede «macchine per produrre pensiero estremo, emarginare sfumature», rendendo impossibile ogni «discorso contrario alla doxa» degli opposti schieramenti: «Dubitare è opporsi. Mettere in discussione è criticare». Il dibattito pubblico in questi ultimi mesi ne ha dato ampia prova, laddove ce ne fosse bisogno: se ti permettevi di dire che indossare la mascherina anche se eri in auto, e da solo, più che un commovente esempio di senso civico, eri un po fesso, passavi per no-vax; e per no-vax passavi pure se contestavi la perniciosa infodemia dei servizi televisivi in cui la barella scorreva au ralenti e in sottofondo andava lo straziante Adagio di Samuel Barber; in compenso, però, se ti dicevi pronto al vaccino anti-Sars-CoV-2, passavi per uno sul libro-paga di Big Pharma; per tornare ad essere considerato un no-vax se ti azzardavi a esprimere un dubbio sulleffettivo controllo della catena del freddo nella distribuzione del vaccino della Pfeizer, pur premettendo di aver effettuato più di una dozzina di vaccini nel corso della tua vita. In questo quadro, non mi attendo che in questo post si sappia correttamente leggere la pur evidente ironia; ma nemmeno mi attendo che, anche sapendola leggere, le obiezioni siano correttamente argomentate. Tanto valga a preventiva spiegazione del perché i commenti impertinenti saranno cestinati.


Vent’anni dopo

 



Stavo qui a leggere questo splendido volumetto della Quodlibet – La situazione della scienza giuridica europea di Carl Schmitt – e a prendere appunti per scriverne qualcosa su queste pagine, quando mia moglie è entrata col vassoio – spremuta darancia, caffè, Losartan per la pressione, Cholecomb per il colesterolo – e parodiando il Buck Malligan dellUlisse di Joyce – ogni domenica mattina è così, va avanti da almeno due o tre anni – ha detto: «Introibo ad altare Dei», al quale mi tocca prontamente rispondere, e guai a me se non lo faccio: «Stately, sì, my darling, ma niente affatto plump!». Ricevuto il consueto bacio per il così estorto complimento alla sua invidiabile linea, di solito va via, per farsi viva solo due o tre ore dopo, di solito per mandarmi in giro a fare commissioni. Non oggi. Oggi, posato il vassoio, si è accesa una sigaretta, sè sdraiata sul divano e mha detto: «Oggi fanno giusto ventanni, ricordi?». Qui sono andato in panico, perché scordarsi di un anniversario, qui da noi, è colpa che impone durissima punizione. Un ventennale, poi. Tremando un po, ma pronto a espiare quello che cera da espiare, ho chiesto: «Cosè accaduto il 3 gennaio del 2001?». «Non hai un grammo di sensibilità», mi fa, che detto da una Capricorno a un Cancro, capirete, potrebbe pure far sollevare qualche obiezione, ma qui ero in difetto e ho taciuto. «Il 3 gennaio 2001 – fa – abbiamo preso Evaristo». Giusto, cazzarola, come ho potuto scordare Evaristo? Forse ha ragione lei, sono proprio una bestia. Evaristo è stato un momento cruciale della nostra vita, al punto da poter parlare di un «prima di Evaristo» e di «dopo di Evaristo»«a.E.» e «d.E» – e io che faccio, dimentico quando è entrato in questa casa?

Il mio lettore – comprendo – si starà chiedendo chi sia Evaristo: è giusto dargli una risposta, ma è necessaria una premessa. Mia moglie è solita dare un nome agli oggetti che acquistiamo, probabilmente è un modo per sentirli veramente suoi, non ho mai voluto approfondire la questione, perché la convivenza è fatta innanzitutto di rispetto e di delicatezza per le manie, i tic, le fissazioni di chi ti sta accanto giorno e notte, sennò alla lunga non funziona. Così, puoi tranquillamente mandare a cagare un Mantellini che degli oggetti scrive che «ci rimangono accanto per anni... improvvisamente scompaiono dalla nostra vista... non sappiamo se ci hanno abbandonato per sempre, se torneranno, se là dove sono ora mantengono qualcosa di noi...», ma con una moglie come fai? Non puoi, via, daltronde mia moglie non pretende che questo suo modo di sentire gli oggetti le conferisca qualità particolari, tanto meno una qualche superiorità intellettuale e men che meno morale: quando dice «non hai un grammo di sensibilità», si capisce che si schermisce. Mantellini no, Mantellini è convinto che luniverso delle sue manie, dei suoi tic, delle sue fissazioni stia in cima alla piramide dei sentimenti, della morale, della cultura, e in quel fortino sta asserragliato, scagliando dai bastioni i suoi lamenti e le sue invettive sui barbari che ritiene lo stiano assediando. Ricordate la Maria Elena Boschi che piangeva allindomani delle elezioni politiche del 2018, «non per la maldestra perdita di uno scudetto, e neppure perché finisce il sogno politico di questo Pd e della sinistra dei quarantenni, ma perché finisce un mondo che è fatto di letture e buone maniere, di educazione e di civiltà» (la Repubblica, 6.3.2018)? Stessa cosa, ma il Mantellini si ritiene più sexy.

Ma dove eravamo rimasti? Ah, sì, a Evaristo. Bene, Evaristo è il primo pc entrato in questa casa, e rammentarmi che oggi ricorre il ventennale di quellevento per mia moglie ha significato particolare, perché fa link con tutte le mie irrevocabili decisioni puntualmente revocate, in primis con quella che presi entrando nella casa dove ho traslocato dopo la separazione dalla mia ex moglie: «Qui nessuna donna dormirà per due notti di seguito». Decisione revocata dopo meno di un anno: «Perché non vieni a vivere qui?», chiesi a Brunella. E lei disse di sì. Il retropensiero era: «Io ne ho un po meno di 43, lei ne ha un po’ più di 20: quanto può durare?». Più di quanto prevedibile, è evidente. Così con Evaristo: «Sia chiaro: in questa casa non entrerà mai un computer!»; e quattro mesi dopo gliene regalavo uno a Natale, le era indispensabile per studiare; per lanciargli uno sguardo torvo ogni volta che gli passavo davanti, anche quando era spento; per poi, un giorno, sedermi alla tastiera e cominciare, come si diceva allora, a «navigare».

Sono arrivato relativamente tardi al web, dunque, questaltro ventennale dovrebbe chiudersi a giorni, il che fa capire quale sia la durata media delle mie irrevocabili decisioni. La cifra tonda dovrebbe spingermi a raccontare, così si usa, ma onestamente la voglia manca, perché per mettere mano a tutto il materiale che sè venuto ad accumulare mi ci vorrebbero altri ventanni. Potrei tagliar corto con un resoconto generico, ma, come è già accaduto, finirei per impastare le mie personali impressioni a tutto ciò che ho letto sul web da ventanni a questa parte, dalle entusiastiche aspettative che ha sollecitato nei più ingenui alle brucianti delusioni che ha riservato anche a chi non ci sperava troppo che fosse la straordinaria occasione per emancipare le masse e fin da subito metteva in guardia riguardo ai limiti, ai rischi, ai pericoli. Per quanto mi riguarda, non mi sono mai fatto illusioni: il web è una realtà parallela, che in gran parte riproduce la vita di relazione che abbiamo fuori dallo schermo del pc, ma gonfiando a dismisura certi aspetti e sgonfiandone altri, con ciò apparentandosi alla pornografia rispetto al sesso, il che è evidente soprattutto nelleccessiva importanza che ci diamo quando scendiamo in questa agorà virtuale.

Qualche giorno leggevo su Il Foglio quel che Olivier Babeau diceva riguardo alla rivoluzione digitale che ha così prepotentemente segnato il nostro ingresso nel terzo millennio. Diceva – mi scuso per la lunghezza dei virgolettati, ma credo ne valga la pena – che «Internet ha tradito la sua vocazione e il suo manifesto originari. Avrebbe dovuto portare a un mondo unificato e parificato. Avrebbe dovuto cancellare le differenze. Aprendo le porte all’innovazione, alla mobilità sociale e alla comprensione, avrebbe dovuto dare a ogni azienda, individuo e paese i mezzi per la propria emancipazione e sviluppo. Che disillusione! Tutto è a portata di clic. Ma la conoscenza, ad esempio, non è facilmente accessibile. La tecnologia digitale ha abolito gli intermediari, ma ha eretto enormi barriere che tagliano in due il mondo. Abbiamo una divisione dove ci aspettavamo l’unificazione».

In quanto alla discussione pubblica: «La moderazione tanto celebrata nell’antichità, la tendenza al centro e a emarginare gli estremi stanno svanendo di fronte a uno spettacolare trionfo dell’arroganza in tutti i campi. Non è più l’eccesso dionisiaco, controbilanciato da Apollo, tanto adorato dagli antichi greci, ma l’oblio dei limiti. […] I social, concepiti come luoghi di emancipazione, diventano macchine per produrre pensiero estremo, emarginare sfumature. Le minoranze si organizzano in branchi per mettere a tacere le opposizioni. L’iper-democrazia prodotta dalla tecnologia digitale non può che portare all’altro estremo: la dittatura. I due poli si uniranno nello stesso schiacciamento del diritto di proprietà e della volontà individuale. La dittatura del Bene divorerà tutto ciò che sarà alla sua portata. [...] Non è più concepibile pronunciare un discorso contrario alla doxa. Qualsiasi dibattito viene immediatamente squalificato. Dubitare è opporsi. Mettere in discussione è criticare. I discorsi progressisti sono gradualmente diventati un arsenale che pretende di proibire ogni discorso alternativo. La polizia del pensiero pretende di governare tutto, riscrivere la storia, mettere a tacere i fatti imbarazzanti. La realtà è chiamata a piegarsi all’egemonia della morale del momento. Alla scienza viene chiesto di collaborare, confermare o tacere. Anche l’ortografia deve subire i peggiori oltraggi per diventare “inclusiva”, anche se significa sconvolgere la parola. […] Il progressismo e il suo seguito di “guerrieri della giustizia sociale” stanno preparando inconsapevolmente terribili regressioni. […] Indignazione a geometria variabile, censura in nome della libertà, esclusione in nome dell’inclusione, discriminazione in nome della lotta alla discriminazione. [...] Questa radicalizzazione non è il risultato naturale della dinamica egualitaria, ma il suo decadimento. L’ossessione progressista è il segnale paradossale di un esaurimento della dinamica dei diritti umani guidato dall’Illuminismo. Culminando in un’intolleranza di vedute esattamente come quella da cui secoli fa si voleva liberare l’umanità, il progressismo fanatico segna la decomposizione dell’Illuminismo anziché il suo perfezionamento».

Un po esageratuccio, il Babeau, daltronde da sempre la policy de Il Foglio recita: «Se non sono irritati e/o irritanti, non li vogliamo». Però, via, fatta eccezione per i toni, lanalisi non è tutta da buttar via. Per meglio dire: i miei ventanni di navigazione in rete mi portano a sottoscriverla, seppure con qualche riserva. Mai nutrito illusioni, però, che non dovesse andare a finire proprio così. Cioè, a essere onesto, qualche illusioncella me lero fatta, e anche qui, a rammentarmi quello che con letà fa più fatica a restare, ecco di nuovo Brunella: «Hai dimenticato quando dicevi che la blogosfera ti sembrava qualcosa tipo “La scuola di Atene” di Raffaello». «Ma chi, io?», ho provato a obiettare. «Ma sì, qualcosa del genere. Aspetta, ecco, dicevi che la blogosfera era descritta a perfezione da “Estetica” di Panella-Battisti. E non ti azzardare a smentirlo». «Dio mio, che discussioni futili, Brune, lasciami leggere, va! Anzi, guarda pure tu come sto Schmitt inizia moscio moscio, per poi arriva a spararti sulle gengive: “l’autorità dimostra di non aver bisogno di diritto per creare diritto”... Senti lincipit: “Parlare di una scienza giuridica europea appare oggi, forse proprio a un giurista, inammissibile e non-scientifico. E questo non solo a motivo della lacerazione politica dell’Europa, dilaniatasi in due guerre mondiali, ma anche per una ragione formale e all’apparenza persino di natura specificamente giuridica...”». Non mi ha lasciato continuare, sè alzata dal divano e uscendo ha detto: «Hai cambiato argomento. E questo non è bello. Ti lascio a Schmitt, io vado a preparare da mangiare con Casimiro». Che poi sarebbe il Worker Bimby.