venerdì 5 luglio 2019

«Restiamo umani», a patto di far chiarezza sull’uomo


Per chi è credente, i diritti umani sono espressione delle prerogative che Dio ha conferito alla creatura che ha voluto a sua immagine e somiglianza. Tutto sommato non cambia molto per chi ritiene che i diritti umani nascano con luomo, espressione di ciò che la Natura gli conferisce in quanto uomo. In entrambi i casi è chiaro perché si tenga tanto alla distinzione tra diritti umani e diritti civili: Deus sive Natura, Natura sive Deus, i primi sarebbero connaturati alluomo, mentre i secondi sarebbero acquisiti.
Viene così ad essere implicitamente ammesso, quando non lo è in modo esplicito, che sia possibile una dimensione umana antecedente a storia, società e cultura, che di un homo fanno un civis. Intuibile, dunque, perché, per chi rigetta la tesi che luomo sia possibile fuori dalla dimensione storica, sociale e culturale, non ci sia alcuna differenza tra diritti umani e diritti civili: tutti i diritti sono acquisiti, tutti i diritti sono possibili solo come prodotti storici, come conquiste sociali e come costruzioni culturali, e, se per quelli umani si ha qualche ragione nel dichiararli inalienabili, è solo perché essi hanno trovato un più solido radicamento, in forza della insostituibile funzione che sono venuti ad assolvere come soluzioni a problemi non altrimenti risolvibili nel contesto che li sollevava.
Si pensi, per esempio, al più umano dei cosiddetti diritti umani, e cioè il diritto alla vita: potrà risultare insopportabile lidea che, con ciò, perda il sacro che gli verrebbe dallessere un dono di Dio o lineffabile che gli verrebbe dallessere scritto nel Dna della specie, ma anche il diritto alla vita è impensabile fuori dalla dimensione storica, sociale e culturale entro cui nasce, e si consolida, fino a diventare irrinunciabile, perché corrispettivo del divieto di uccidere, indispensabile a qualsiasi forma di convivenza. Tanto indispensabile, tanto irrinunciabile, da diventare indiscutibile. Tanto indiscutibile da meritare una mitopoietica che lo rendesse trascendente a storia, società e cultura, che si sarebbero limitate a riconoscerlo, piuttosto che a costruirlo.

Non diversamente è accaduto con gli altri diritti che definiamo umani, e il cui numero è venuto a crescere col ritenere di poter riconoscere in molti di quelli civili una natura trascendente del principio che li informa, in realtà conferendogliela. Si pensi, per esempio, al diritto di migrare, di cui non si ha traccia nel Bill of rights del 1789, né nella Déclaration des droits de l’homme et du citoyen del 1793, e che trova una sua prima formulazione solo con la Dichiarazione universale dei diritti umani del 1948 («Ogni individuo ha diritto di lasciare qualsiasi paese, incluso il proprio, e di ritornare nel proprio paese», art. 13): evidente prodotto di un contesto storico, sociale e culturale, entro il quale la libertà di movimento prende ad assumere un valore pari ad altre libertà, come quella di espressione, di credo religioso, ecc., ma, una volta dichiarato diritto umano, chi potrà mai mettere in dubbio che sia stato Dio a rendere luomo libero di muoversi in lungo e in largo per il mondo o che questa libertà nasca con lui come espressione di unesigenza insopprimibile, insita alla sua natura, che è poi la fattispecie umana della Natura? Eppure si è sempre migrato. Del fenomeno si ha ampia documentazione fin dalla preistoria, che poi altro non è che storia cui manca una documentazione scritta, dunque più povera di informazioni, comunque sufficienti a poter dar per certa, fin da allora, lesistenza di pur embrionali forme di società e cultura.
Se il fenomeno ci accompagna da sempre, perché cè voluto tanto a capire che si trattasse di un diritto umano? Perché per un problema come quello del pericolo di morte per mano di un proprio simile si è fatto tanto in fretta a trovare accordo su un divieto di uccidere che quasi subito si è dato forza in diritto alla vita, mentre per un problema come quello delle migrazioni si è impiegato tutto questo tempo per concepire come diritto la libertà di «lasciare qualsiasi paese, incluso il proprio»? La risposta a questa domanda impone un sacrificio in tutto simile a quello di rinunciare a immaginare un Deus sive Natura o una Natura sive Deus come scaturigini di diritti umani: la mera «libertà di» (ma per molti versi questo accade anche per «libertà da») non diventa un «diritto» fino a quando non riesce ad essere percepita come propria libertà da parte di chi ha il potere di decidere per tutti, investito dellautorità che gli è conferita dal consenso di chi lo elegge a garante dei propri interessi. È in questo modo che si spiega perché quello di migrare divenga un diritto solo nel 1948: dopo limmane massacro, il mondo ha bisogno di sterilizzare il concetto di nazione e di desacralizzare il limes.

Cè stato chi ha colto il problema che si pone col conferire la «trascendenza» dell«umano» all«immanenza» del «civile» (per quanto fin qui detto mi auguro che le virgolette diano il dovuto senso ai termini), ma neanche vale la pena di dire chi sia, perché non è andato più in là dellindorare il paradosso con lespediente retorico di un immaginifico «diritto naturale storicamente acquisito», temerariamente proposto come nuova categoria giurisdizionale. Il patetico tentativo, tuttavia, è degno di nota, perché emblematico del fallimento cui si va incontro quando si chiama la morale che informa ogni giusnaturalismo in soccorso di un principio che non abbia la necessaria forza politica per imporsi o per conservare le posizioni precedentemente conquistate, il che sul piano pratico traduce quel che sul piano logico è la debolezza delle tautologie che pretendono il crisma dellautoevidenza che non necessita di argomenti per persuadere, e che di regola, quando la pretesa non è soddisfatta, evocano lantitesi tra legge e giustizia.
Sono questi fallimenti che lasciano il campo libero agli pseudoargomenti che invece riescono a persuadere in forza dellappello a suggestioni e a pregiudizi. Ed è questo che in buona sostanza è accaduto con lappello alle ragioni umanitarie per cercare di persuadere lopinione pubblica a quell«accogliamoli tutti» che al momento pare aver la peggio con l’opposto «porti chiusi», se è vero, come è vero, che una vicenda come quella della SeaWatch, pure chiusasi con un clamoroso scacco inflitto a Salvini, ha segnato un sensibile incremento dei consensi in favore della Lega, che i sondaggi danno ormai al 38%. In ultima analisi, infatti, è accaduto che, almeno nella sua declinazione del dovere di soccorso a migranti in pericolo di vita, il diritto di migrare ha vinto in virtù di presidi giurisdizionali nazionali e sovranazionali, correttamente recepiti dai dispositivi giudiziari che hanno infine consentito il buon esito della vicenda; e tuttavia, seppur di poco, si è ulteriormente indebolita l’autoevidenza di quel «restiamo umani» che chiama Dio e Natura a proclamare inviolabile il «diritto naturale storicamente acquisito» di poter lasciare il proprio paese, a maggior ragione, poi, se in forza del bisogno di sfuggire a guerra o fame; Salvini ha perso, insomma, e ha perso contro la legge e contro la giustizia, ma continua a vincere, nel senso che continua ad accrescere il consenso alla sua scellerata azione di governo, che in sostanza pretende di sospendere gli effetti che il diritto naturale ha fin qui sortito su quello positivo.

Giustamente gli si rinfaccia di tradire il Vangelo che sbandiera, ma si fa il torto di non capire che anche nel punto dove la morale cristiana non fa sconti e recita che «le nazioni più ricche sono tenute ad accogliere lo straniero...», non può fare a meno di concedere che a quest’obbligo esse sono tenute «... nella misura del possibile» (Catechismo, 2241), un «possibile» di cui solo chi è chiamato al governo della cosa pubblica può rispondere. Traslando dalla dottrina morale alla pastorale, «si tratterà di coniugare l’accoglienza che si deve a tutti gli esseri umani, specie se indigenti, con la valutazione delle condizioni indispensabili per una vita dignitosa e pacifica per gli abitanti originari e per quelli sopraggiunti» (Giovanni Paolo II, Messaggio per la 97ª Giornata del Migrante e del Rifugiato): «valutazione» che giocoforza non potrà che essere politica, con quanto ne consegue sul modello dimpiego delle risorse pubbliche che ottiene il maggior consenso da parte dellelettorato. Un elettorato che, da un lato, sembra sempre più incline a considerare assai ridotta la «misura del possibile» e, dall’altro, non pare cogliere alcuna contraddizione tra levangelico «ama il prossimo tuo» e il salviniano «prima gli italiani», anche qui grazie a ciò la dottrina morale concede come scappatoia: è significativo infatti che Dio detti lobbligo di onorare i propri genitori subito «dopo di lui» (Catechismo, 2197), imperativo che pretende estensione ai «doveri dei cittadini verso la loro patria» (Catechismo, 2199), riproducendo un gradiente di carità che nel proximus distingue un propior. Né le cose sembrano andar molto meglio presso l’elettorato che si dichiara «di sinistra», qualunque cosa possa ormai dire: un sondaggio che alcuni giorni fa faceva capolino tra le chiacchiere di un talk show su La7 li dava per un 15% in favore della condotta tenuta da Salvini sul caso SeaWatch.

Ma questa, ovviamente, è solo la premessa a un discorso che voglia azzardarsi a far chiarezza su cosa esattamente voglia dire «restiamo umani», e a cosa possa ragionevolmente aspirare sul piano politico, il che mi pare sia possibile solo dopo aver fatto chiarezza sull’uomo. In tal senso non ritengo sia superfluo rammentare che chi ha coniato il motto che sembra essere la soluzione di ogni cosiddetta crisi umanitaria sia morto per mano di chi, a stretto rigor di logica, gli doveva gratitudine. I suoi assassini appartenevano a una cellula terroristica «impazzita», così si affrettarono a definirla gli assennati terroristi di Hamas, ma erano palestinesi non meno di tutti gli altri palestinesi alla cui causa si era votato fin da una decina danni prima. Cosa tradì la grande nobiltà danimo e il generoso entusiasmo che portarono Vittorio Arrigoni a spendersi senza riserve in favore del popolo palestinese? Probabilmente il fatto che ogni crisi umanitaria è sempre più complessa di quanto appare a chi ritiene che il proprio impegno possa contribuire ad attenuarne la gravità, sennò, di là dall’effettivo contributo portato, almeno a dar risposta a quell’urgenza morale che impone un qualsivoglia mettersi in gioco. Ogni crisi umanitaria, infatti, non sta solo nei problemi che solleva, ma anche in quelli che l’hanno generata, e risolvere gli uni senza risolvere gli altri serve certamente a far fronte a un’emergenza – se non del tutto, almeno in parte, che comunque non è poco – ma anche a perpetuarla, come in fondo accade con l’elemosina, che è cosa bella, buona e giusta, ma non risolve affatto il problema della povertà, anzi, per certi versi lo rende insuperabile. 


31 commenti:

  1. È assai opportuna l’ultimissima osservazione, perché è esemplificativa del cambiamento intervenuto nella sinistra italiana. Sto comparando quella attuale e quella, diciamo, togliattiana. Il cambiamento è in peggio. La posizione dei comunisti di allora sull’argomento era chiara e netta: l’elemosina non si fa, perché è funzionale alla perpetuazione della povertà. Era evidente la contrapposizione con la visione cattolica del problema, e i comunisti di allora non mancavano di additare al ludibrio delle classi popolari le dame di S.Vincenzo, simboli già allora ridicoli della soluzione ipocrita proposta dal capitalismo al problema degli emarginati.
    L’avvenuta trasformazione del piddino medio in dama di S.Vincenzo è quindi altamente simbolica. Abitando in una delle poche enclaves cittadine rimaste al partito che fu di Togliatti, posso testimoniare che le uniche persone che fanno l’elemosina agli africani all’angolo della strada sono dame e damazze, di due categorie: la prima è composta di reduci del ‘68 con pettinatura a noce di cocco, gonne sotto il ginocchio e giubba color topo, invariabilmente munite di borsa a tracolla trasversale; la seconda è invece composta di signore botulinizzate con abbigliamento mediamente costoso e acconciature non autarchiche (nel senso che vanno dal parrucchiere).
    Sarà prevenzione anticlericale, ma l’appiattimento sulle posizioni vaticane, mutuandone l’ipocrisia, mi sembra impudico, e mi fa rimpiangere la sinistra della prima repubblica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da chi ben conosce come persona avara di carinerie permetta una lode alla vividezza delle sue descrizioni pittoriche.

      Elimina
    2. Permesso accordato.

      Elimina
  2. Molto ben scritto. Ma in realtà non c'è alcuna contraddizione tra "ama il prossimo tuo" e "prima gli italiani". Perché "il prossimo nostro" SONO gli italiani. Il vangelo dice "ama il prossimo tuo", non "ama il lontano, a scapito di chi ti è prossimo"...

    Massimo90

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi consenta di attirare la sua attenzione a quel "gradiente di carità che nel proximus distingue un propior": cerca di dare un po' di garbo proprio al suo argomento, che poi è proprio quello di chi ritiene che il Vangelo non sfiguri affatto in mano a Salvini. Chissà, però, se questo modo di trattare il IV comandamento, che ho illustrato nel penultimo capoverso, è degno di essere rubricato come argomento in linea con la dottrina morale. Bisognerebbe chiedere a un cattolico di sinistra, chessò a un Tombolini, ma temo che la risposta non sarebbe positiva, se per essermi permesso, peraltro con ironia, di twittare qualche invito ad ascoltare "le ragioni del 'nemico'", mi sono beccato un inquisitoriale sospetto di "fascismo".

      Elimina
    2. Strano che Malvino non stigmatizzi la crassa ignoranza che denuncia il supponente commento del signor Massimo90, degno in effetti e al massimo di un vangelo secondo Salvini. Viene quasi il dubbio che perfino il dotto Malvino sia del tutto ignaro di ciò di cui si parla. "OK Gesù, abbiamo capito, ama il prossimo tuo. Ma si può sapere chi cazzo sarebbe 'sto prossimo?" Per spiegarlo Gesù si produce nella ben nota parabola del buon Samaritano, arrivando alla domanda retorica finale: "E insomma, chi è il prossimo da amare, secondo te, il sacerdote e il levita che indifferenti sono passati oltre o il Samaritano che si è fermato e ha soccorso chi era solo e sofferente?" Soluzione: il "prossimo" da amare è il Samaritano, è colui che si fa prossimo per fare una mano e aiutare chi si trova in difficoltà. Usare l'evangelico "ama il prossimo tuo" per sostenere la volgarità del "prima quelli di casa e poi, se ne avanza, vediamo semmai i lontani" è non solo aberrante, ma da doppio errore rosso e blu. E come vede, caro Malvino, non è affatto un "argomento", ma una volgare mistificazione, in cui anche lei a quanto pare, per amor di "correttezza", è caduto mani e piedi. (Il riferimento testuale al vangelo di cui qui ho azzardato una personale riduzione è ovviamente Lc 10:25-37).

      Elimina
    3. [Ci davamo del tu, ma prontamente mi adeguo alle mutate condizioni.]
      Gentile Tombolini, lei sa bene che i Vangeli (per limitarci ai sinottici, perché per Gv e agnostici è pure peggio) sono ambigui e contraddittori in sommo grado, per non parlare di come le cose sono state ulteriormente ingarbugliate dall’aramaico (o dall’ebraico) al greco, e dal greco al latino. Ci aggiunga cosa ha fatto il resto, cioè da questo materiale una dottrina morale. Un esempio per tutti: come mettere d’accordo l’ordine di Gesù “chi non ha spada, venda il mantello e ne compri una” con “amate i vostri nemici, pregate per quelli che vi perseguitano” e “chi non è con me è contro di me”. Sarei dunque più cauto nel dare per scontate e definitive le esegesi confetturate dalla sua Madre Chiesa. Deluso, di poi, son io: lei non ha colto affatto l’ironia che era del testo del post e nella risposta al lettore, in buona sostanza mirante a far presente che, sulle ambiguità e le contraddizioni dei Vangeli, Salvini ha buon gioco a dirsi cristiano e raccogliere consensi tra i cattolici italiani, come in realtà accade, in un Italia che per metà considera Bergoglio un eretico. Pensavo che tale ironia fosse evidente con l’estenderla al modo in cui può esser letto il IV comandamento per come c’è lo illustra il Catechismo. Lei, preso dal fuoco sacro, mi attribuisce quello che io attribuisco a un cattolico che non ha alcuna difficoltà a votare Salvini. Se lei fosse un più costante lettore di queste pagine avrebbe potuto constatare che su “ama il prossimo tuo” mi sono già intrattenuto, e con analoga ironia. Quella di cui fa mostra, mi consenta, è l’indignazione che non risolve nulla, perché mostrifica le ragioni del “nemico” senza con ciò togliere ad esse neppure un grammo del consenso che raccolgono, anzi, prefigurando la rissa come unica soluzione all’approccio delle questioni poste dal fenomeno dei migranti in arrivò sulle nostre coste. Possiamo accoglierli tutti solo perché è un dovere morale accoglierli? C’è chi lo ritiene impossibile, non sto qui discutere se a torto o a ragione, e non venga a farmi il distinguo tra soccorrerli ed accoglierli (tanto meno con l’integrarli): come ho già detto, Salvini ha avuto il merito di sollevare la questione di una Eu sorda, cieca e muta su una sostenibile politica comunitaria rispetto al tema. L’ha sollevata in modo barbaro e criminale? Non c’è dubbio, ma è un fatto che l’abbia sollevata. E qui cade a fagiolo il suo Samaritano, che può scorrerne uno, due, dieci, cento, ma poi gli finiscono le bende, e allora ha bisogno dell’aiuto dello stato, che dandoglielo lo investe del ruolo di soccorritore professionale, con quanto ne consegue per ogni professione, sempre a metà tra missione e affare. Da cristiano lei ha pieno diritto di pensare a Salvini come incarnazione del Maligno, a considerare dannati i suoi seguaci, e me, che non condivido questi tesi, un complice in solido del demoniaco disegno. Ma, tranne che a darle convinzione di incarnare il Bene, questo non risolve nulla. Chiudersi alle ragioni altrui non risolve nulla.

      Elimina
    4. Il simpatico e dotto Tombolini, lui per nulla supponente al contrario di me, definisce volgare il "prima quelli di casa, e poi, se ne avanza, vediamo semmai i lontani". Al netto dell'italiano creativo del suo post (dove, a leggere Tombolini, il samaritano sarebbe "il prossimo da amare", mentre è ovvio che il samaritano è "colui che ama il prossimo"), io, più che volgare, definirei "saggio" questo paradigma del "prima quelli di casa".
      Per diversi motivi. Uno, banalmente evoluzionistico. Siamo fatti per preferire l'in-group all'out-group. E' una elementare regola di sopravvivenza. Preferire l'out-group all'in-group è (parola che dovrebbe spaventare i supercattolici) "contronatura".
      Il secondo motivo è la sfida eterna tra ipocrisia e sincerità.
      Se non ami i tuoi, che avresti tutte le ragioni per amare, sarai sincero quando dici di amare gli altri, ovvero persone lontane di cui non sai assolutamente nulla? Se non sai nulla di loro, in base a che cosa, precisamente, sostieni di amarli? E' ovvio che non amerai loro come persone, visto che non le conosci affatto, ma ami soltanto il loro "concetto". Quindi è un amore fasullo. Un amore ipocrita. Se poi, come le varie associazioni che tutti conosciamo, uno su questo amore ipocrita ci lucra pure, allora tale amore per l'esotico a discapito (a discapito nel vero senso della parola, perché è tutto finanziato con i contributi degli italiani che oggi almeno al 40% non desiderano più immigrati), allora si vede che questo amore super-umanitario oltre che ipocrita diventa anche farisaico.
      (O almeno, lo diventa per gli ignoranti e i supponenti come me. Gli illuminati e umili sicuramente possono vedere verità che a me sfuggono).
      Massimo90

      Elimina
    5. le sue argomentazioni hanno una certa forza ma non sono, a mio parere, risolutive, perché si potrebbero applicare allo stesso modo alla solidarietà tra concittadini. Perché lo stato deve aiutare anche con i miei soldi degli italiani che non conosco e verso dei quali non posso quindi provare dei sentimenti di tipo personale ? In realtà io penso che esista una sorta di solidarietà astratta o impersonale che dovrebbe essere alla base (Non solo teoricamente) delle società democratiche moderne. Ma proprio qui sta, sempre secondo me, il punto debole di molti fautori dell'accoglienza senza condizioni. Infatti in un'ottica di solidarietà astratta bisognerebbe contemporaneamente e con la stessa forza venire incontro alle esigenze degli italiani più bisognosi e adoperarsi affinché quella gente non sia costretta a lasciare il proprio paese per finire sulla strada o alle dipendenze di qualche caporale.

      Elimina
  3. in che senso Salvini avrebbe ricevuto uno scacco ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I migranti della SeaWatch sono sbarcati, la Rackete è libera, la nave presto risolcherà i mari: cosa doveva accadere di più per dire che ha perso questa partita. E tuttavia non gli si può negare un merito: ha svegliato l’Europa sul problema della prima accoglienza e su quello della ripartizione, ma con un prezzo altissimo, quello del mostrificarsi, che di solito si paga caro, anche se molto in ritardo. In ogni caso è da ridere l’imputazione di fascismo: un fascista è prima di tutto un teppista, e non fa tutte quelle chiacchiere, le navi delle ong le affonda. La prima dopo aver trasbordato i migranti su un mezzo della Marina Militare per riportarli in Libia, costasse pure una milionaria di euro, la seconda e le altre con i migranti a bordo, simulando incidenti. Poi, petto in fuori, ad affrontare il terremoto che ne consegue. Un fascista è innanzitutto un criminale, un bandito: Salvini si limita a crudeli dispettuci da adolescente che se lo sente piccolo.

      Elimina
    2. capisco. È curioso come si possano avere percezioni opposte della stessa vicenda. A me è sempre apparso evidente che la vera posta in palio fosse quella della ripartizione dei migranti e su questo punto Salvini mi sembra aver riportato una chiara vittoria pratica ma soprattutto simbolica, tanto da essere riuscito a creare un precedente che difficilmente potrà essere ignorato (anche da governi altri) e che ha tutti le caratteristiche per trasformarsi in prassi. I migranti cioe'si accolgono solo previa dichiarazione di compartecipazione di diversi paesi. Non è poco, direi che è tutto quello che l'elettore medio (che non vuole certo vedere affondare navi) può chiedere a Salvini su questo punto.

      Elimina
    3. scusi, tengo a dire che io non ho nessuna speciale simpatia politica per Salvini, di cui per esempio detesto l'insistenza sulla flat tax, però devo dargli atto di aver impostato e risolto correttamente (cioè secondo ragione) la questione dei migranti. Uso volutamente il termine "ragione" perché la ragione per dispiegarsi pubblicamente ha bisogno di determinatezza e di limiti. Ciò che rende detestabile la posizione piddina non è tanto, a mio avviso, l'appello ai buoni sentimenti quanto l'indeterminatezza in cui viene lasciata la questione.

      Elimina
  4. Proclamare inviolabile il «diritto naturale storicamente acquisito» di poter lasciare il proprio paese, non significa ipso facto imporre il diritto di essere accolti dove più ci pare e piace. Anche perché qui non si tratta semplicemente di riconoscere il diritto del singolo, ma di valutare,
    quindi giusto il richiamo a quella "valutazione" di GP II, gli effetti di una migrazione di massa verso paesi già densamente popolati e con non pochi problemi di sostenibilità (senza dire poi della chimerica “integrazione” dei nuovi venuti). Quanto poi all'urgenza morale, si potrebbe discutere a lungo e ad ogni modo concordo con Erasmo. La differenza tra la Lega e il Pd consiste nel fatto che la Lega una propria linea politica su questo tema ce l’ha (discutibile quanto si vuole), mentre il Pd è il solito cortile delle comari. Che la questione vada affrontata globalmente e nella sua complessità è fuori discussione, ma non credo che sarà affrontata a livello europeo nei modi e l'urgenza che essa richiede.

    RispondiElimina
  5. Complimenti per il post magistrale.
    Mi permetto due precisazioni sulla parte papale. La prima è una pedanteria: il Messaggio per la 97ª Giornata del Migrante e del Rifugiato è del settembre 2010, quindi lo firmò Benedetto XVI, non GPII. Il virgolettato però è effettivamente del Papa polacco, citato da Benedetto, e proviene dal Messaggio per la XXXIV Giornata della Pace, di fine 2000. In quell Messaggio Wojtyla espresse il suo punto di vista sull'importanza delle culture nazionali, un tratto peculiare della sua predicazione.
    Però papa Wojtyla scrisse anche (Messaggio per la Giornata mondiale del migrante 1992): "Anche se i Paesi sviluppati non sono sempre in grado di assorbire l’intero numero di coloro che si avviano all’emigrazione, tuttavia va rilevato che il criterio per determinare la soglia della sopportabilità non può essere solo quello della semplice difesa del proprio benessere, senza tener conto delle necessità di chi è drammaticamente costretto a chiedere ospitalità." Cioè: va bene quello che dice il Catechismo, ma mantenere il tenore di vita non è una scusa buona. Probabilmente GPII ragionava da polacco, proveniente da un Paese più povero, e non si capacitava che l'opulenza occidentale accampasse questa motivazione rispetto all'aiuto al prossimo. E' una cosa che - dopo la caduta del Muro - traspare anche in altri interventi.
    Benedetto XVI, leggendo i suoi interventi su migranti e rifugiati, era ben più tiepido, e più preoccupato per gli effetti "culturali" delle migrazioni su quella civiltà "greco-tomistico-cristiana" europea che permeava la sua visione. E' coerente con questa preoccupazione che scelga di citare proprio quel passo di GPII.

    RispondiElimina
  6. Suggerisco l’esegesi estetizzante di “ omo de panza, omo de sostanza “ , “ ama il prossimo tuo “ mi pare un po’ troppo complessa di questi tempi.

    RispondiElimina
  7. "...così si affrettarono a definirla gli assennati terroristi di Hamas..."

    :-D
    Geniale.
    Grazie, passar di qui è sempre prezioso.
    Stia bene.
    Ghino La Ganga

    RispondiElimina
  8. Vorrei fare un commento che, più che rifarsi direttamente al post, si riferisce ad alcuni commenti qui. Ho l'impressione che serpeggi un assunto indimostrato: siamo in fase di immigrazione critica ed è (suppongo per questo) in qualche modo meritorio porre la questione in Europa. Primo - e mi astengo dal confondere causa ed effetto: chiedo un esempio di nazione economicamente avanzata che sia mai andata (passato e presente) in crisi a causa della forte immigrazione, o almeno quale sia il bilancio medio di chi più l'ha sperimentata.

    Il paese europeo con il più alto tasso di immigrazione degli ultimi decenni è quello economicamente più florido e stabile, la Germania (ripeto, mi astengo dal dedurre causa ed effetto). Storicamente in testa figurano gli Stati Uniti, sia come percentuale di immigrati sia come potenza economica. Lo dico, tra l'altro, ben conscio del cinismo dell'economia, perché parliamo perlopiù di manovalanza di gente disposta a tutto pur di campare, che arricchisce l'economia del paese che li ospita, cioè degli autoctoni, a discapito di un bieco sfruttamento di chi spera di salvare i figli da analoga sorte.

    Detto ciò, non discuto sul fatto che se mangio troppo oltre ciò che il mio stomaco ha la capacità di contenere finirò con il rigettare tutto, e quindi i paesi hanno certamente un meccanismo di apertura e chiusura che tuteli la sopravvivenza del sistema. Ma un conto è l'oggettiva capacità dello stomaco, un altro, come nel caso italiano di oggi, un precetto puramente politico e ideologico, di propaganda, non basato su indicatori marcoeconomici oggettivi, che è appunto quell'assunto indimostrato che ci vuole alle soglie della saturazione (quando siamo ancora all’antipasto). A vedere alcuni indicatori economici nostrani, in realtà, è l'esatto contrario: il fenomeno immigratorio aiuta a tenerci a galla.

    Sapete lo scopo della propaganda anti immigrati quale potrebbe essere, o almeno l’effetto? Quello di far passare per accettabile alla massa uno sfruttamento ancora più cinico degli immigrati che già ci sono, in quanto persone a malapena degne di fruire di diritti fondamentali. Non a caso la battaglia parte dal (non) riconoscimento di cittadinanza: strumento per mantenere in piedi la distinzione tra persone di seria A e di serie B.

    Passando sul tema dei diritti, chiaramente mi sorge un dubbio spontaneo: che si tratti di un diritto cui si sia dato spazio per calcolo? Ben venga lo stesso, comunque se reciprocamente utile.

    Occupandomi di cose scientifiche ho infine ben presente il caso americano: è probabile che gli Stati Uniti non sarebbero diventati la potenza tecnologica che sono diventati senza le élite intellettuali scappate dal nazismo e dai fascismi. Circa un nome super illustre su due, o su tre, giunse negli Stati Uniti durante la guerra, o al più uno e due anni prima.

    Noi, italiani, saremmo Tafazi anche in questo. Le élite però ci limitiamo a tenerle a distanza solo col nostro sistema di impiego.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sottoscrivo tutto, e aggiungerei "ovviamente", perché è tutto ben argomentato, in primo luogo rinunciando persino a far cenno al movente "umanitario", sul quale mi sembra di aver detto abbastanza, nel tentativo di delegittimarne pretesa di bastare a se stesso per poter dire "accogliamoli tutti". Peraltro già in passato ho chiarito la mia posizione sul problema, e non ho cambiato idea. Come ho già detto qualche post fa, tuttavia, a me sembra necessario "entrare" nelle "ragioni del 'nemico'" per capire donde venga il (dis-)percepito, sul quale però ho già qualche indizio: a far percepire i migranti come minaccia è stato soprattutto il volerne predicare l'accoglienza in forza delle sole ragioni "umanitarie". Si fosse rinunciato a quelle, peraltro messe in bocca a samaritani professionali dagli assai poco trasparenti interessi, e si fosse dato risalto alle ragioni di cui, qui, caro De Gregorio, lei fa bella sintesi, la discussione non si sarebbe incarognita fino al punto cui è giunta.

      Elimina
    2. mah veramente quelli del pd hanno provato abbondantemente in una prima fase a buttarla sull'economia: "l'immigrato è sempre una risorsa etc", poi, quando hanno visto che non funzionava tanto, è entrato in gioco Saviano. Consiglierei di fare un banale distinguo tra l'economia intesa come crescita del pil e le condizioni economiche della maggioranza della popolazione.

      Elimina
    3. Non abbiamo a che fare con un’immigrazione di massa in paesi semidisabitati, né con un’immigrazione in una fase alta del ciclo economico (che non ci sarà più), ma con un’immigrazione di massa che diventerà sempre più sostenuta in paesi già densamente popolati e che dovranno affrontare nei prossimi anni il problema della disoccupazione di massa (quella vera!). L’esempio della Germania, o qualsiasi altro esempio, in prospettiva (sottolineo: in prospettiva), è fuori luogo. Si tratta di milioni di persone, di uno spostamento di popoli che cambierà completamente, sotto molti profili, i connotati dell’Europa.

      Chi si oppone all’immigrazione tout court e vota Lega non lo fa, in prevalenza, a riguardo degli effetti macroeconomici. Faccio un paio di esempi. Ho un’amica che aveva un ottimo appartamento in zona residenziale all’Arcella di Padova, acquistato negli anni Ottanta, ebbene l’ha dovuto vendere a prezzo stacciato e trasferirsi perché in quel quartiere è diventato impossibile vivere una vita normale (non esagero). Dei miei parenti, hanno dovuto fare lo stesso a Mestre (via Oslavia, laterale di via Piave). Bisogna viverle di persona queste situazioni.

      Elimina
    4. m'è scivolata una virgola tra soggetto e predicato

      Elimina
    5. Vabbè, ormai la cosa è stata sdoganata, tra poco l'Accademia della Crusca dirà che si può fare.

      Elimina
    6. Si serve la Patria anche facendo la guardia a un bidone di benzina.

      Elimina
    7. certo, vecchio mio, col colpo sempre in canna

      Elimina
    8. Grazie dell'apprezzamento, Malvino. Vero è che io riconosco anche il problema "umanitario", pur convenendo che accogliere tutti sia materialmente impossibile. Semplicemente ritengo che l'essere nati in un paese "agiato" sia un puro frutto del caso e niente altro, e perciò assegnare valore di sostanza all'essere "italiani" sia un argomento tanto infantile quanto ridicolo. Se si vuole difendere il territorio lo si dica meramente facendo riferimento a vecchie quanto primitive, non necessariamente insostenibili ragioni di clan. Non abbiamo nulla da spartire, in quanto italiani, se non un territorio, perché ormai cosa ci sia ad accomunirci dal punto di vista culturale è diventato difficile scorgerlo.

      Olympe, conosco vagamente il problema dell'Arcella, che sinceramente ritengo sia prima di tutto un problema di ordine pubblico. Posso osservare che l'amministrazione della città è da tempo appannaggio della medesima parte politica che ancora sbraita. Anche ad accogliere, legittimamente, l'obiezione che l'ordine pubblico dipenda in primis dal governo nazionale, beh, il partito sempre di quel tale che sbraita è stato al governo un po' meno della metà del tempo in questi ultimi venticinque anni.
      A New York c'era il problema della criminalità, che è stato molto ridimensionato negli ultimi dieci o quindici anni (tutto fatte le dovute proporzioni tra gli standard americani di sicurezza e quelli europei). Ciò semplicemente per opera di amministrazione.
      Aggiungo che ricordo che in una città ancora più grande, chiamasi Roma, quando gli immigrati non esistevano, vi erano quartieri di centinaia di migliaia di abitanti quasi totalmente fuori controllo. Il problema che distingue l'Arcella da quelle realtà anni '80 è che si tratti di un quartiere che non nasce malfamato. In altre parole, i quartieri malfamati andavano bene una volta, perché c'erano italiani che lì, in quei contesti, ci nascevano. Oggi è un problema perché qualcuno un po' più benestante se ne è dovuto andare. Da qui a sostenere che per via di queste nuove realtà dobbiamo chiudere le frontiere, con tutto quel che comporta, di fronte sia alla comunità internazionale che alla nostra economia, ce ne passa.

      Elimina
  9. Il valore assoluto che pretende la ragione "umanitaria" rende assai problematico quel "pur convenendo". D'accordo, però, sull'impiego strumentale della "italianità" (più volte messa in discussione su queste pagine come "carattere", ma anche come categoria storica, sociologica, culturale, ecc.) come ragione prima e ultima di una governabilità dei flussi migratori, cui peraltro si rinuncia, per la chimera del bloccarli. Lei scrive: "Se si vuole difendere il territorio lo si dica meramente facendo riferimento a vecchie quanto primitive, non necessariamente insostenibili ragioni di clan". Bene, proprio a questo stiamo: queste ragioni sembrano essere diventate sostenibilissime, e il fatto di essere primitive ha dato ad esse un certo fascino, almeno così pare dai sondaggi. Vogliamo limitarci ad esecrarle o è più saggio analizzare perché e come hanno avuto modo di imporsi? Soprattutto: siamo in grado, in questa analisi, di dare il giusto peso alle responsabilità di chi ha pensato di poter trattare il fenomeno migratorio come problema esclusivamente "umanitario", peraltro trovando pure il modo di lucrarci sopra? Pensi al tanto celebrato "sistema Riace". Su cosa si reggeva? Da 26' a 33': https://www.raiplayradio.it/audio/2019/05/TUTTA-LA-CITTAapos-NE-PARLA-4c8d834f-0e9f-4e43-882c-cc4647835263.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a Paolo De Gregorio

      1. Non è solo un problema di ordine pubblico (questo lo pensa lei e la Lega) e del resto non interessa di quale colore politico sia attualmente l’amministrazione patavina, romana, ecc.;
      2. lei, per sostenere la sua tesi, ha ignorato quanto ho scritto nella prima parte del mio commento: questa non è una migrazione come le altre e avviene in un contesto storico, economico, demografico e urbanistico con peculiarità specifiche, in prospettiva uno spostamento di popoli (spostamento di popoli!) che cambierà completamente, sotto molti profili, i connotati dell’Europa; questa nuova immigrazione non porta solo braccia a basso costo, ma porta anche molte altre cose che non si possono iscrivere nei bilanci economici e che però stanno avendo già ora un peso non trascurabile sulla vita delle comunità e sui rapporti tra i gruppi;
      3. come pensate di trovare un lavoro a milioni (milioni) di persone, educarle al rispetto delle leggi, familiarizzare con l'ambiente e la mentalità democratica (laicità, separazione della sfera religiosa da quella pubblica, libertà personali, diritti civili, parità dei sessi e concezione della donna (anche se vi sono italiani che non possono essere citati d'esempio), avviarli alla convivenza, ecc. ecc.? e tutto ciò da subito, non tra vent’anni;
      4. pacifico il fatto che italiani o esquimesi si nasce per caso, ma non è per caso che si formano popoli, nazionalità, culture, territori, storia; credo legittimo che questi popoli abbiano il diritto di “accogliere” sul proprio territorio chi pare loro e non di subire tale “accoglienza”, o quantomeno di limitarne e regolarne l'afflusso;
      5. continuate ad irridere, a dire che queste considerazioni sono ridicole, infantili, primitive, eccetera, poi mostratevi stupiti se la Lega diventa un partito nazionale e il primo partito (anche a Riace, per dire).

      Elimina
  10. vorrei chiedere, se è lecito, a Malvino o a De Gregorio, quali effetti macroeconomici sì aspettano dall'immigrazione in un paese con un ciclo economico non espansivo, con elevata disoccupazione, con diffusissima precarietà e bassi salari. A parte, naturalmente, un aumento dell'offerta di lavoro e quindi di un'ulteriore precarizzazione e abbassamento dei salari. Grazie per la risposta.

    RispondiElimina
  11. Condivido molto le ragioni di Olympe de Gouges.

    RispondiElimina