giovedì 9 aprile 2015

[...]

Ma questo De Gennaro è quello che una sentenza della Cassazione ha assolto dalle imputazioni relative ai fatti della Diaz? E allora dov’è la vergogna che sia alla presidenza di Finmeccanica? La questione eventualmente sarebbe altra, e cioè se la vergogna non sia per caso Orfini alla presidenza del Pd. Se non fosse che il Pd è quello che è, e che lì lo ha messo Renzi. Il che equivale a piena assoluzione per tutto ciò che Orfini dice. 

4 commenti:

  1. Due vergogne, quella di Orsini è niente in confronto a quella ben più grave di De Gennaro. Molti i colpevoli per quell'episodio di violenza stupida e sbagliata da parte della polizia contro dei manifestanti che non avevano nessuna colpa per gli atti vandalici compiuti da altri. In galera dovrebbero ancora essere i due principali responsabili di quello scempio, uno è De Gennaro e l'altro è Il ministro Scajola, a seguito tutti gli altri nella scala gerarchica, fino ai poliziotti che hanno picchiato gente inerme solo per un ordine stupido o per "divertimento " aggiungo io. E la sentenza della Cassazione dirà qualcuno, pensate quello che vi pare.

    RispondiElimina
  2. Basta con leggi, regole e giudici, freddi, cattivi e senza ammore !
    Vogliamo una società fondata sull'ammmore e sugli amici degli amici, in cui si possa sparare al giudice freddo e senza ammore !
    VIVA LA TALIA ! VIVA L'AMMORE !

    RispondiElimina
  3. Me pare che nei due eventi di cronaca che hanno visto protagonisti prima Lubitz poi Giardiello ci siano dei segnali molto positivi di attaccamento alla comunità: il disperato nun se ammazza più da solo, ma vuole rendere partecipe tutta la comunità dei suoi problemi.
    E' bello st' attaccamento alla comunità fino alla fine, mentre invece è brutto che uno se ammazza da solo, disperato, in una profonda solitudine sofferta,senza socializzazione, senza condividere con gli altri i suoi problemi, senza legami con la sua comunità, che vanno invece mantenuti fino alla fine.
    E' bellissimo invece che uno voglia rendere partecipa la comunità di ogni momento della sua esistenza, sia delle sue gioie sia dei suoi dolori
    In fondo quelli di Lubitz e di Giardiello sono un segno di attaccamento alla comunità, esprimono l'esigenza lodevole di mantenere fino in fondo il legame con gli altri.
    'Nzomma..
    Sono degli atti d'amore verso il prossimo.
    O NOOOO ??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lei è uno stronzo, senza dubbio è uno stronzo, e tuttavia non le manca qualche sprazzo di acume sociologico.

      Elimina