lunedì 26 aprile 2010

La messa, che palle!



Almeno per questa volta, assolto. 

4 commenti:

  1. Risalendo il commento del Graceffa sono giunto al suo sito. Ti consiglio di indagare su questo caso patologico-psichiatrico.

    "La grazia di Dio riempie il mio piccolo paese. Sono cominciate le Sante Quarant'Ore. Nei ritagli di tempo mi precipito nelle varie Chiese che si alternano nell'esposizione continuata del Santissimo Sacramento. E' una grazia inimmaginabile poter entrare in chiesa e trovare lì sempre il mio Signore, il mio Dio che per me si è fatto Uomo e per restare con me si fa oggi Pane. Ne vorrei fare incetta."

    E' qualcosa di superbo. Me lo immagino fare il giro delle chiese, farvi in ognuna la comunione e tornare a casa, satollo del Cristo.

    RispondiElimina
  2. Incuriosito da qubrick sono andato a dare una occhiata. Questo lapsus tragicomico è notevole:

    «Chissà se tra un po ci chiederanno di abbattere le nostre chiese e cattedrali perchè con i loro Crocifissi ben in vista creano "perturba emozianalmente" ai tanti credenti nel nulla che gli passano accanto»

    RispondiElimina